Fare antimafia significa “capire”, perché, se non si “capisce” la realtà che abbiamo attorno a noi, si macina aria fritta.

E’ pigrizia mentale, ignoranza, omertà o che altro?

Cominciamo, per capire la complessa realtà esistente a Fondi e in tutto il sud pontino, in provincia di Latina e nell’intero Lazio, a cercare di “capire” le vere ragioni di quello strano suicidio del Capitano Fedele Conti, comandante della Compagnia della Guardia di Finanza.

Un dato sembra certo e questo lo testimoniano i medici e non noi: la fidanzata ed il Sindaco di Pastena, entrambi medici che conoscevano Conti meglio di ogni altro, benissimo e non da poco.

Non era un “depresso” e le sue condizioni psicofisiche erano quelle di una persona perfettissima.

Inoltre, egli, era un eccellente ufficiale, con un curriculum eccellente, onestissimo e con un profondo senso dello Stato.

Non era un matto e un corrotto, insomma.

Perché, quindi, si è sparato?

Non si sa e non se ne parla più.

Che significa “mi sono incartato”?

Quali “casi” stava seguendo?

Quali pratiche chiedeva?

Quali indagini stava svolgendo o intendeva svolgere?

E’ stato accertato?

E, se non fosse stato accertato, continuano le indagini?

Cosa è successo in quella caserma?

Le indagini sul “caso Fondi”.

Le presenze sul territorio, proprietari di ville, di persone “autorevoli” non fondane, personaggi politici di alto livello.

I grandi investimenti di capitali.

Gli appalti, i subappalti di opere pubbliche e private.

Soprattutto sul litorale di Fondi, uno dei più suggestivi d’Italia.

Si parla di acquisti di terreni a Capratica da parte di “napoletani”.

“Chi “ sono questi napoletani?

A Borgo Sant’Antonio e su tutta la fascia costiera.

Sono state svolte indagini?

Tutte persone perbene?

Quali “risultati” sono stati conseguiti dalle indagini?

Perché di queste cose dobbiamo cominciare a parlare.

Noi rispettiamo tutti ed abbiamo senso dello Stato.

Non vogliamo, quindi, denigrare persone, istituzioni e chiunque altro.

Ma vogliamo “capire”, perché la situazione è seria e se non si “capisce” si macina aria fritta.

Archivi