Far cadere Gaeta e Civitavecchia sotto il tallone delle mafie, significa far cadere tutto il Lazio. L’importanza della costituzione di un fronte anche politico che combatta non solo a chiacchiere le mafie

Quando si fa antimafia effettiva e non semplicemente parolaia, generica.

Di indagine, di denuncia continua di fatti e situazioni specifici, nomi e cognomi, e di pressione sulla parte sana della politica e della società.

Durante questa campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale a Gaeta si stanno rivelando gli effetti del lungo lavoro fatto dalla nostra Associazione.

Molti partiti politici, infatti, hanno inserito ai primissimi punti dei loro programmi il tema dell’azione di contrasto alle mafie.

Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Sinistra Ecologia e Libertà, Italia dei Valori si sono impegnati a far costituire dalla prossima Amministrazione comunale un organismo istituzionale –“senza politici”, essi ci hanno tenuto a sottolineare, ma costituito da persone competenti, come rappresentanti delle forze dell’ordine e della magistratura – preposto alla lotta contro le mafie sul territorio.

Speriamo che la stessa cosa vorrà fare anche il PD che ancora non si è pronunciato al riguardo.

Noi non abbiamo mai inteso demonizzare l’intero ceto politico e, più in generale, la politica, che rispettiamo e dei quali apprezziamo l’alto valore e l’importanza vitale nella gestione della cosa pubblica.

Noi combattiamo la parte corrotta e collusa con le mafie di essi.

E gioiamo allorquando rileviamo che la parte sana di essi, abbandonando ogni forma di tatticismo e di tiepidezza, si schiera nettamente, senza se e senza ma, contro le mafie.

Non a caso, con un manifesto pubblico, di fronte ad un processo abbastanza avanzato e preoccupante di radicamento mafioso sul territorio, noi inviteremo la cittadinanza Gaetana a scegliere, o di qua o di là.

O con chi si è posto seriamente il problema “mafie”o con chi ignora completamente questo tema drammatico.

Al di là e al di sopra delle etichette, che, in quanto Associazione antimafia seria non ci interessano, noi abbiamo tutto l’interesse che si costituisca, dopo decenni di insensibilità e di inerzia nella lotta alle mafie che così hanno avuto la possibilità di impadronirsi di quasi tutta l’economia del Basso Lazio, un fronte politico che cominci finalmente a collaborare con noi, con le forze dell’ordine e con la magistratura, nella lotta alle mafie.

Siamo pronti a fornire tutto il nostro supporto tecnico perché le Amministrazioni pubbliche si dotino degli strumenti per una vera e propria azione di… ”bonifica”.

Gaeta non è una delle città più grandi del Lazio quanto alle sue dimensioni territoriali ed al numero di abitanti, ma la sua importanza storica e dal punto di vista delle sue prospettive economiche, la rendono oltremodo strategica nella regione ed anche fuori dei confini del Lazio.

I suoi 5 porti, uno militare, uno commerciale e 3 turistici catalizzano su di essa gli interessi e le attenzioni di grandi gruppi economici, fra i quali potrebbero esserci alcuni di dubbia identità.

Noi non siamo abituati a parlare a vanvera…

Il nostro modo di fare antimafia ci porta ad un lavoro costante e profondo di indagine, di scavo, di individuazione di soggetti sospetti.

Che già ci sono sul territorio ed in gran numero…

Gli addetti ai lavori sanno di cosa stiamo parlando.

La situazione del sud pontino è ormai nota a tutta Italia.

Stiamo parlando di un territorio dove operano decine e decine di clan della camorra e di cosche di ogni genere.

C’è da considerare, poi, che Gaeta è collegata, per ragioni economiche e per il sistema della portualità, all’Alto Lazio e, in particolare, a Civitavecchia.

Un asse di fuoco, quello fra Gaeta e Civitavecchia, per quanto riguarda gli interessi di tutte le mafie, nazionali ed internazionali.

Ecco perché noi abbiamo concentrato il massimo delle nostre attività sulle aree di Civitavecchia e di Gaeta-Formia-Fondi-Itri-Sperlonga.

Far cadere definitivamente queste aree sotto il tallone delle mafie, significa far cadere tutto il Lazio, quindi.

Ecco perché noi gioiamo quando notiamo che anche a livello politico, anche se con un ritardo non di certo lodevole, manifesta la volontà di scendere in trincea contro la corruzione e le mafie.

Speriamo, poi, che gli impegni vengano rispettati!!!

Archivi