Emergenza sicurezza ad Ardea e sul litorale a sud di Roma, da Ostia ad Anzio-Nettuno

Al Sindaco di Ardea, Prof. Carlo Eufemi

Al Delegato per Tor San Lorenzo

Dott. Riccardo Iotti

Al Ministro dell’Interno

On. Roberto Maroni

Al Prefetto di Roma

Al Dirigente del Commissariato di Anzio

Al Comandante della Guardia di Finanza di Pomezia

Al Comandante della Compagnia Carabinieri di Frascati

Ten. Col. Rosario Castello

Al Comandante Compagnia Carabinieri di Anzio

Maggiore Emanuele Gaeta

Al Comandante della Stazione Carabinieri di Ardea

Luogotenente Antonio Landi

Al Comandante della Stazione Carabinieri T.S.L.

Maresciallo Roberto Fareri

Al Vice Presidente del Consiglio Regionale del Lazio

On. Bruno Prestagiovanni

A tutte le redazioni di giornali e televisioni

Oggetto: Sicurezza e Legalità sul territorio di Ardea.

E’ passata un’altra estate e per la maggior parte delle persone è anche tempo di ritorno dalle ferie estive. Purtroppo lo è anche per gli abitanti di Nuova California, Tor San Lorenzo e della Nuova Florida.

Molti di noi hanno avuto la fortuna di andare in vacanza e di ammirare luoghi splendidi, dove tutto è perfetto e a misura d’uomo: spiagge meravigliose ed incontaminate, perfettamente attrezzate, pulite e accessibili a tutti. Strade ben illuminate, piazze pulitissime e gremite di tante persone unite dalla stessa voglia di divertirsi e di stare insieme: cosa che sfortunatamente non si può dire del nostro territorio!!

Come ogni anno al rientro dalle ferie è tempo di bilanci, tempo di riflessioni, e – come sempre – dobbiamo constatare che come si rimette piede a casa ci si deve confrontare con gli annosi problemi di cui abbiamo già detto e scritto tante e tante volte, ma che non ci stancheremo mai di ripetere e di denunciare. Primo tra tutti la questione sicurezza.

Comitato di Quartiere Nuova Florida, Via Potenza, 13, Nuova Florida, 00040 Ardea (Rm)

Comitato di Quartiere di Nuova California, Via delle Meduse 3, Tor San Lorenzo, 00040 Ardea (Rm)

Come ogni estate il nostro territorio è oggetto di grande affluenza di villeggianti che soggiorna nel nostro paese (è più corretto dire che la maggior parte di essi usa come dormitorio le seconde case o quelle prese in affitto, per poi spendere i propri soldi nei comuni limitrofi: ma come biasimarli??!!).

Abbiamo trascorso un’altra estate ancora senza illuminazione pubblica nella maggior parte delle strade, ancora molti cittadini non hanno né l’acqua potabile né il gas metano, la maggior parte delle nostre strade sono distrutte e poco sicure.

Pensavamo ad esempio che finalmente viale Marino dopo l’illuminazione pubblica fosse dotata anche di un adeguato marciapiede per facilitare i cittadini a raggiungere il mare, (facciamo presente che Viale Marino è la strada principale che collega Tor San Lorenzo al lungomare di TSL) ma come sempre è stato un bel sogno. La rotonda di via Tevere da tre anni continua a formare le più variegate forme geometriche nei suoi spostamenti notturni, senza che nessuno si preoccupi di realizzarla in maniera definitiva.

Il parco giochi di via Reno è ancora in condizioni fatiscenti; grazie all’interessamento dell’Assessore alla Cultura del Comune di Ardea, nel mese di luglio la Provincia di Roma ha donato e fatto installare dei giochi nuovi, ma poi come al solito tutto si è fermato di nuovo. L’Assessore all’Ambiente ha più volte promesso una rapida soluzione del problema con tanto di un progetto per la realizzazione di un fanta parco super tecnologico (ci chiediamo che fine ha fatto l’Assessore all’Ambiente Roccafiorita, dopo tante promesse si è dissolto nel nulla facendo perdere le sue tracce, di solito le persone inefficienti si cambiano quando le cose non funzionano), ma ad oggi non si è visto nulla, abbiamo passato un’altra estate senza avere la possibilità di far giocare i nostri bambini, e tutti sanno quanto può essere importante un parco pubblico in un territorio che non ha nulla da offrire.

Da non dimenticare l’immobile, confiscato alla mafia, sito in via Modena – Nuova Florida – che, da tempo consegnato dall’Agenzia del Demanio al Comune, è ancora abbandonato, insicuro e pericoloso e non reso usufruibile (come legge vuole!) per i cittadini del quartiere, e continuamente frequentato da bambini e ragazzi la cui vita è fortemente a repentaglio!

Le forze dell’ordine operanti sul nostro territorio (da sempre insufficienti!!) nonostante il lodevole impegno profuso non riescono a coprire e tutelare un’area così vasta, proprio per le scarse unità di cui dispongono. Di conseguenza, le nostre strade sono sprovviste di adeguati controlli. Riteniamo poi incomprensibile ed assurdo che proprio nei mesi estivi, a fronte del triplicarsi della popolazione, e durante i quali spiagge, strade, campeggi si riempiono, manchi un minimo ed indispensabile controllo al fine di permettere un ragionevole godimento delle meritate vacanze e – nel nostro caso – essere più sicuri nelle nostre case.

L’ultimo censimento ad Ardea è stato effettuato nel 2001, allora la popolazione risultava essere di circa 26.000 abitanti quando già eravamo più di 30.000, (chissà a chi ha giovato un censimento fuorviato??). Lo stesso CdQ Nuova Florida lo ha denunciato varie volte! Prima di questo, nel 1991, erano stati censiti 16.854 abitanti. Oggi ne siamo quasi 45.000. E’ evidente a tutti che ad un aumento numerico costante sia di popolazione che di densità abitativa del territorio, non è però seguito un pari potenziamento delle forze addette al suo controllo ed alla sicurezza delle nostre strade.

Un territorio che ospita circa 46.000 abitanti non deve essere più considerato un paese di medie dimensioni ma di fatto una città e pertanto ha la necessità di disporre di strutture che assicurino da un lato il tempestivo intervento delle forze dell’ordine e dall’altro la copertura adeguata in caso di emergenze sanitarie. Si tratta di tutele assicurabili agevolmente attraverso posti mobili dislocati nelle varie zone per le 24 ore e pronti ad intervenire in caso di necessità. La necessità di presidi relativi alla sicurezza e alla salute è divenuta urgente dopo l’arrivo di insediamenti spontanei di nomadi che, oltre a non essere attrezzati con adeguate strutture sanitarie, ha generato un netto incremento di episodi legati alla microcriminalità.

Il complesso Le Torri che da anni ormai è occupato illegalmente da extracomunitari senza lavoro e da rom (i cittadini che vivono nella parte alta di Nuova California ormai da anni assistono inermi a soprusi di ogni genere, a spaccio di droga alla luce del sole, a furti subiti in abitazioni o dentro le proprie macchine): perché la popolazione che occupa quelle case non viene censita? Perché lo Stato non interviene? Il curatore fallimentare nominato dal Tribunale che dovrebbe fare gli interessi della banca, proprietaria degli immobili è completamente assente e inaffidabile, perché il tribunale non lo sostituisce?. Lo stesso scenario purtroppo lo troviamo sulla litoranea al complesso Le Salzare, che il mese scorso è stato teatro di una nuova sparatoria. Da tempo nel complesso sono costretti a convivere cittadini che regolarmente sono proprietari di case e persone senza fissa dimora, che hanno trasformato il complesso in un mercato di armi, droga e prostituzione. Non passa giorno che non siamo in bella evidenza sui quotidiani – anche nazionali per qualche malefatta: ubriachi al volante, (non dimentichiamo la bambina travolta da un’auto mentre andava gettare l’immondizia!!!) coltivazioni e sequestri di droga, rapine e furti, latitanti nascosti, stupri di gruppo… e ci fermiamo qui, perché non crediamo ci sia bisogno di andare avanti, rischieremmo di essere troppo prolissi.

A questa tipologia di disagio si aggiunge la circostanza che l’urbanizzazione primaria e secondaria risulta incompleta in alcune importanti strade con la diretta conseguenza che strutture sociali quali scuole e giardini pubblici non sono in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni di una collettività in continua crescita.

La domanda che ci rimbalza in testa è sempre la stessa: dove sono le Istituzioni? A Roma come in altre città si può impiegare l’esercito e ad Ardea no? Come mai? A quanti cittadini è capitato di uscire la sera per portare i propri bambini a fare una passeggiata o a prendere un gelato, per poi spesso ritrovarsi ad assistere a risse o a folli corse in macchina e in moto, a dover scansare individui in evidente stato di ebbrezza, a osservare negozi che effettuano una chiusura anticipata per non trovarsi in mezzo a scazzottate o altro? Non dobbiamo stupircene: questa è la realtà che viviamo quotidianamente a Tor San Lorenzo e a Nuova California. Tutto ciò è appunto conseguente alla denunciata mancanza di controllo del territorio da parte delle istituzioni che a ciò dovrebbero essere preposte.

Il parco giochi in piazzale Nuova California ormai è diventato meta di extracomunitari che durante la giornata sostano nelle vicinanze del luogo completamente ubriachi e, che, con i loro atteggiamenti alterati, il più delle volte impediscono la normale fruizione del parco da parte delle famiglie e dei bambini; con il risultato che per colpa di alcuni incivili pericolosi tutti i nostri sforzi per cercare di ridare dignità ai quartieri diventano inesistenti.

Chiediamo alle S.V. con la massima urgenza un intervento volto alla risoluzione di un problema cosi gravoso, anche con l’ausilio dell’Esercito o di postazioni mobili di Polizia o Carabinieri, in modo da reprimere atteggiamenti pericolosi ed incivili ed evitando così risse o incidenti dannosi. Anche le attività commerciali del territorio sono in continuo pericolo, oltre agli esercenti che lamentano una mancanza di sicurezza; lo stesso problema si ripercuote sui loro clienti che molto spesso preferiscono frequentare altre zone o negozi limitrofi.

Altresì ci chiediamo come sia possibile che le caserme ad Ardea debbano chiudere alle otto di sera, dopo quell’ora bisogna rivolgersi alla Compagnia di Anzio, che nonostante i grandi sforzi non sempre riesce prontamente ad intervenire.

Alla luce di questa sconfortante realtà facciamo appello al nostro Sindaco che è il primo responsabile della sicurezza e della legalità sul territorio e che ne ha fatto il suo cavallo di battaglia durante l’ultima campagna elettorale, affinché prenda finalmente in mano la situazione: ci restituisca un po’ di dignità, di ordine e di tranquillità.

A due anni dall’elezione di questa Giunta, sempre più spesso ci domandiamo quanto ancora i cittadini di Ardea, della Nuova Florida, di Tor San Lorenzo e di Nuova California dovranno aspettare per vedere vinta questa battaglia per la sicurezza e la legalità.

Rivolgiamo la nostra richiesta di aiuto alle Autorità in indirizzo affinché il vibrante impegno che si sta rivolgendo al tema della sicurezza veda nel territorio di Ardea una immediata ed efficace concretizzazione.

Crediamo sia opportuno organizzare un convegno sulla sicurezza avendo come oggetto:

“Tor San Lorenzo – Nuova California – Nuova Florida quale futuro?” siamo certi che potrà essere un valido punto di partenza per individuare una valida strategia operativa.

Si allegano alla presente alcune foto sulla situazione di forte disagio che vive il Quartiere di Nuova California, il lungomare di Tor San Lorenzo, la Litoranea di Tor San Lorenzo, e il Quartiere di Nuova Florida

Un ultimo appello ci sentiamo di rivolgerlo a tutti i cittadini, la storia ci insegna che soltanto restando uniti e si possono affrontare e vincere le “GUERRE” uniti per avere voce.


Alle S.V. i nostri più cordiali e ossequiosi saluti

I Direttivi dei Comitati di Quartiere di Nuova California e della Nuova Florida

Piero D’Angeli Presidente Nuova California 334 64 86 398

Rita Serino Presidente CdQ Nuova Florida 349 67 24 504

Antonella Sasso Presidente Associazione Commercianti TSL

Pamela Poggiarelli Presidente Associazione Bimbi e Natura

Stefania Lauri Titolare Stabilimento Balneare La Venere in Buchini

Ardea, 15 settembre 2009

Archivi