E’ sfuggito al blitz ed ora è in fuga: caccia all’ultimo latitante del clan Lo Russo

CAMORRA
E’ sfuggito al blitz ed ora è in fuga: caccia all’ultimo latitante del clan Lo Russo
L’uomo è destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere

di REDAZIONE

NAPOLI. Un ras in fuga. In fuga da quasi un mese. Vincenzo Lo Russo ‘o signore, figlio del boss detenuto Giuseppe, è attivamente ricercato dalle forze dell’ordine. Unico componente della famiglia Lo Russo rimasto in circolazione, Vincenzo Lo Russo è destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere: una è stata spiccata a corollario dell’indagine che ha messo a nudo l’infiltrazione dei Lo Russo nell’universo degli ospedali, mentre l’altra è quella che ha ricostruito gli ultimi otto mesi di attività illecite gestite dai Lo Russo, scattando una fotografia nitida anche della guerra che ha visto i Lo Russo impegnati su due fronti: la faida col ribelle del rione Don Guanella Walter Mallo e la faida con gli Esposito-Genidoni per il controllo degli affari illeciti alla Sanità, rione nel quale i Lo Russo si sono insediati nel 2006 all’indomani del tramonto dei Misso. Vincenzo Lo Russo, dunque, è in fuga.

Gli altri co-indagati invece confidano adesso nei giudici del Tribunale del Riesame di Napoli. Alcune istanza di scarcerazione sono state già depositate, le udienze per la discussione non sono state ancora fissate. Tra quanti stanno ancora valutando la possibilità di presentarsi al Riesame ci sono anche il boss Carlo Lo Russo e la moglie Anna Serino, che hanno offerto con le loro parole lo spaccato più vivido della guerra innescata dal ritorno in libertà proprio del boss Carlo.

03/07/2016

fonte:www.internapoli.it

Archivi