.E parliamo sempre della presunta trattativa fra mafia e pezzi dello Stato in occasione della vicenda rifiuti.Nell’ambito di tale trattativa si sarebbero svolti incontri con Michele Zagaria in una villa di Gaeta che sarebbe una “centrale operativa” dei Servizi.La notizia fu data da Il Mattino di Napoli e fu ripresa da vari giornali,compresa CASERTACE.Sia negli articoli che nei verbali della Commissione Parlamentare d’inchiesta che audì la giornalista de Il Mattino,ora Senatrice,Rosaria Capacchione,ricorrono più di una volta i nomi di Gaeta e di Fondi,due centri fortissimamente infilltrati dalla camorra e che,pertanto,potremmo definire il “cuore” di camorra e ndrangheta al punto da farli definire da Carmine Schiavone “ provincia di Casale”.Proprio in queste due città e sui territori ad esse circostanti,tutto il sud pontino – e Cassino – ci saremmo aspettati una forte azione di contrasto da parte dello Stato per mettere fine al dominio assoluto della criminalità mafiosa.Ed,invece,proprio su quei territori lo Stato quasi latita ,eccetto le DDA di Roma e Napoli ,quasi a voler dare l’impressione di NON voler fare la lotta alle mafie. Qui di seguito pubblichiamo una serie di link relativi ad articoli di cui suggeriamo la lettura attenta.Particolarmente attenta dovrà essere la lettura di quanto dichiarato dalla Senatrice Capacchione in audizione alla Camera .

Ti potrebbe anche interessare...