È MORTO ELVIO DI CESARE, ANIMA DELL’ASSOCIAZIONE ANTIMAFIA “CAPONNETTO”

È MORTO ELVIO DI CESARE, ANIMA DELL’ASSOCIAZIONE ANTIMAFIA “CAPONNETTO”

di Redazione

2 Agosto 2022 Cronaca

Aveva lasciato l’incarico di Segretario a dicembre 2020, dopo 16 anni (e oltre) a portare avanti l’attività di denuncia contro la criminalità organizzata. Una lotta dura, senza sconti, innovativa nel mondo dell’associazionismo: esposti, interrogazioni parlamentari, convegni, dettagliati dossier, rapporti di collaborazione con Procure e organi investigativi. Della Caponnetto, Di Cesare era fino ad oggi Presidente onorario.

Elvio Di Cesare ha insegnato per anni a tanti come si doveva stare con la schiena dritta di fronte al potere malato e corrotto della sua terra – veniva da Gaeta – e del Paese intero. Costanti gli avvertimenti su cosa era diventata soprattutto la provincia di Latina, stretta a metà tra Roma e Napoli.

Da sempre, prima di altri e anche prima, in qualche caso, dell’intervento della magistratura, Elvio Di Cesare aveva capito che in terra pontina vivevano e si moltiplicavano le infiltrazioni delle mafie tradizionali e di quelle locali ed emergenti che inquinano il tessuto sociale, culturale ed economico.

Un impegno senza sconti, il suo, anche semplicemente condividendo notizie che arrivavano da tutta Italia su pubblica amministrazione corrotta, affari sporchi e colletti bianchi.

Un uomo che ha fatto delle rettitudine e della coerenza un modo di vita. Era stato funzionario dell’Inail, ente nel quale non fece mancare la sua voce fuori dal coro denunciando opacità e mala amministrazione. Il suo impegno si era esplicitato anche attraverso inchieste giornalistiche pubblicate su importanti testate come “L’Avvenire” e in politica come consigliere comunale a Gaeta.

Ma Elvio era e rimarrà per sempre l’anima dell’Associazione Caponnetto, un organismo che al momento conta responsabili anche in altre regioni d’Italia oltreché nel Lazio. Da anni, l’associazione è presente nelle aule di Tribunale dove è parte civile in svariati processi di mafia e corruzione nella pubblica amministrazione. Al momento, la Caponnetto è parte civile, tra gli altri, nei processi Cetrone, “Dirty Glass”, Concorsopoli Asl ecc.

Elvio lascia un vuoto perché era stella polare per chi voleva fare della denuncia la propria ragione di vita.

Fonte:https://latinatu.it/e-morto-elvio-di-cesare-anima-dellassociazione-antimafia-caponnetto/

Archivi