E’ LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA GIUDIZIARIA ROMANA CHE VIENE APPLICATO L’ARTICOLO 416 bis E QUESTO E’ UN GRANDE PASSO IN AVANTI NELLA LOTTA ALLE MAFIE NEL LAZIO. NON AVVENNE NEMMENO NEI CONFRONTI DELL’ EX BANDA DELLA MAGLIANA. SICURAMENTE CIO’ STA AVVENENDO GRAZIE ALLA MATURAZIONE DI UNA CULTURA ANTIMAFIA NELLA MAGISTRATURA ROMANA, MA ANCHE GRAZIE ALLA ROBUSTEZZA DI UN IMPIANTO ACCUSATORIO DA PARTE DELLA PROCURA DI ROMA CHE DOPO l’ARRIVO NELLA CAPITALE DEL PROCURATORE PIGNATONE HA FATTO UN SENSIBILE SALTO DI QUALITA.

Articolo tratto da www.repubblica.it – leggi l’articolo

Archivi