Dopo la lettera del Prefetto di Napoli, l’Amministrazione di Sorrento avrebbe dovuto indire una nuova gara e non reiterare il servizio al Consorzio Icaro.

*

Associazione per la lotta contro le illegalità e le mafie

“Antonino Caponnetto”

info@comitato-antimafia-lt.org www.comitato-antimafia-lt.org

1 agosto 2012

COMUNICATO STAMPA

Le notizie di stampa e la lettera del Prefetto di Napoli del 26.6.12 ai Comuni avrebbero dovuto indurre le Amministrazioni Comunali che hanno contratti o convenzioni con il Consorzio ICARO ad assumere decisioni coerenti con i principi della legalità.

Ciò in quanto soggetti dirigenti del predetto Consorzio risultano denunciati per reati di cui all’art.7 della legge 2031991 ed altri capi di imputazione.

Nel caso in questione,trattandosi peraltro di ripetizione di servizi per il 2012 per un ammontare di circa 400.000 euro per conto del Comune di Sorrento ,questo avrebbe potuto –e secondo questa Associazione,dovuto – indire una nuova gara.

Ciò premesso,questa Associazione chiede che l’intera questione venga riesaminata con l’assunzione di decisioni che la delicatezza del caso impone con urgenza.

LA SEGRETERIA

Archivi