Distretto o Commissariato potenziato della Polizia di Stato. Non conta la forma ma la sostanza!Commissariato potenziato e con l’istituzione della Sezione distaccata della Squadra Mobile di Latina ed OSSERVATORIO comunale contro la criminalità sono i due obiettivi da perseguire con forza a Formia. Misureremo la volontà della classe politica la quale deve decidere: o di qua o di là, o con la legalità e lo Stato di diritto o con la mafia

Un amico influente ci ha telefonato da Roma l’altro giorno e, fra le tante altre cose di cui abbiamo parlato, ci ha detto ” Guardate che il termine DISTRETTO di Polizia è stato soppresso e si è ritornati a quello vecchio del Commissariato. Quindi quando parlate di Formia parlate di… COMMISSARIATO POTENZIATO E NON PIù DI DISTRETTO”.
Bene così.
Ne prendiamo atto.
Cambia la forma ma non la sostanza perché quello che abbiamo detto noi è ormai chiaro a tutti.
IL COMMISSARIATO DI FORMIA VA POTENZIATO E VA CREATA UNA STRUTTURA EFFICIENTE CON PERSONALE QUALIFICATO ED ESPERTO NELLA LOTTA ALLE MAFIE – COSA CHE OGGI NON C’E’ – E CON A CAPO UN 1° DIRIGENTE E CON L’ISTITUZIONE DI UNA SEZIONE DISTACCATA DELLA SQUADRA MOBILE DI LATINA.
Non intendiamo andare oltre nel motivare tale nostra richiesta perché dovremmo affrontare una tematica delicata che non giova affatto all’immagine delle Istituzioni e noi non vogliamo buttare fango sulle Istituzioni, che, al contrario, sosteniamo in quanto abbiamo senso dello Stato, dello Stato di Diritto però.
Il problema dell’inadeguatezza dell’impianto investigativo nel sud pontino si aggraverà ancora di più di quanto non lo sia già oggi allorquando- fra un anno-due- si scioglieranno i Carabinieri e confluiranno per la maggior parte nella Polizia di Stato.
Specialmente nelle prime fasi del passaggio si creeranno inevitabilmente momenti di stallo che non potrebbero, al contrario, essere tollerati in una terra – come appunto è il Lazio e, in particolare, il Basso Lazio, oltre che l’area di Civitavecchia – occupata dalle mafie non solo provenienti dall’esterno ma anche, se non soprattutto, da quelle autoctone formatesi a causa della disattenzione delle Istituzioni che fino all’altro giorno si sono ostinate a negare l’esistenza del fenomeno mafioso.
E, quindi, necessario che per quando scatterà l’ora X la struttura del Commissariato di Formia sia già salda, consolidata e ben diretta al punto da non temere ritardi, confusione e contraccolpi.
Ecco, questo è uno dei temi che chi fa seriamente antimafia si deve porre e tentare di risolvere e non limitarsi a fare i soliti bla bla!!!
Il “Salto di qualità” che è il titolo del prossimo convegno di sabato 13 luglio a Terracina!!!
Ed è questo uno dei motivi per i quali vogliamo L’OSSERVATORIO COMUNALE CONTRO LA CRIMINALITA’ a Formia.
Speriamo che anche Formia, dopo che lo ha già fatto Gaeta, non dica anche lei NO ALL’OSSERVATORIO!

Archivi