Dal Ministero degli Interni ora aspettiamo i fatti!!!

Il solito disturbatore che ha tentato di mettere zizzania

fra i Testimoni di Giustizia ed anche fra i parlamentari

presenti alla manifestazione-conferenza stampa

svoltasi ieri davanti al Viminale a Roma, tentando di

contestare peraltro la presenza dell’Associazione

Caponnetto, ma noi avevamo previsto tutto ed

abbiamo subito adottato le

contromisure, emarginandolo garbatamente al punto

che egli si è visto costretto ad allontanarsi.

L’iniziativa è riuscita ed è andata oltre le nostre stesse

aspettative.

L’Associazione Caponnetto, com’è nel suo stile, ha

lasciato in tutto arbitri i Testimoni di gestirsi come

ritenevano e non ha voluto nemmeno partecipare

all’incontro che si è svolto nel Viminale fra i

rappresentanti del Ministero dell’Interno, una

delegazione dei Testimoni di Giustizia ed i

Parlamentari del M5S.

Abbiamo lavorato per portare i Testimoni di

Giustizia, accompagnati dai Parlamentari, al tavolo

delle trattative con i rappresentati del Ministero

dell’Interno.

Cosa che non era mai avvenuta prima in maniera

ufficiale e pubblica.

Noi siamo per servire, non per servirci.

Interveniamo, quando veniamo chiamati, a supporto,

lasciando agli attori diretti tutto il merito del successo.

E successo c’è stato perché questa volta quelli che

debbono capire hanno capito che dietro i Testimoni di

Giustizia c’è chi non si limita a fare le chiacchiere.

Da ora in poi dietro di essi, bistrattati, umiliati, costretti

alla disperazione ed alla fame, ci sono l’Associazione

Caponnetto e un intero gruppo parlamentare, di quelli

che sanno combattere.

Combattenti e non parolai, capaci di pretendere che

gli impegni vengano rispettati!

Ora aspettiamo i fatti!!!

Archivi