D’ACCORDO AL 1000 X 100. NON SI PUO’ CONTINUARE A CACCIARE I POLITICI E LASCIARE FUNZIONARI,DIRIGENTI ED IMPIEGATI CHE CON ESSI SI SONO RESI CORRESPONSABILI ALLO STESSO POSTO. QUESTI NON SOLO VANNO RIMOSSI MA ANCHE DEQUALIFICATI E TRASFERITI IN ALTRI COMUNI. E,POI,VA INTRODOTTO IL PRINCIPIO SECONDO IL QUALE CHIUNQUE HA FATTO PARTE DI GIUNTE E CONSIGLI SCIOLTI PER MAFIA NON PUO’ PIU’ , VITA NATURAL DURANTE, RIPRESENTARSI CANDIDATO.CI SONO COMUNI SCIOLTI PER MAFIA DOVE RITROVIAMO,DOPO POCHI ANNI,LE STESSE PERSONE A GOVERNARE.QUESTA E’ UNA PRESA IN GIRO PERCHE’ SE UNO VIENE RICONOSCIUTO COLLUSO O CONTIGUO ALLA MAFIA NON PUO’ ESSERLO CONSIDERATO A FASI ALTERNE,UNA VOLTA SI’ E L’ALTRA NO.L’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO HA ELABORATO IN PROPOSITO UNA SUA PROPOSTA SPECIFICA CHE HA CONSEGNATO AD UN GRUPPO DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA.

l’intervento del presidente dell’Antimafia Ars

Legge Comuni sciolti per mafia
Musumeci: “Via anche i burocrati”

bindi-musumeci
Politica 18 agosto 2016

di Redazione

“La legge che disciplina lo scioglimento degli Enti locali per infiltrazione o condizionamento mafioso va cambiata.” Lo ha dichiarato il presidente della Commissione regionale Antimafia, Nello Musumeci, all’indomani dell’insediamento della commissione straordinaria che reggerà per almeno diciotto mesi  il Comune di Corleone.

Risale a circa quindici anni fa la sua prima applicazione, ma secondo il parlamentare dell’Ars “se uno stesso Comune viene sciolto per mafia due o tre volte, nello spazio di poco tempo, una ragione ci sarà. E quando questo avviene – e accade sempre più spesso – quel tipo di azione repressiva dello Stato non crea consenso sociale ma, anzi, suscita tra la gente perplessità, dubbi e, qualche volta, malumori”.

“Con i colleghi della Commissione – ha chiarito Musumeci – ho toccato in questi tre anni tutti i Comuni dell’Isola sciolti, ho incontrato commissari, burocrati e cittadini e le criticità sono quasi sempre le stesse. Il primo paradosso da rimuovere nell’attuale legge è il fatto che lo Stato manda a casa il ceto politico e lascia al proprio posto quello burocratico. Assurdo, perché è risaputo che spesso è il burocrate che fa da cerniera tra il potere politico e quello mafioso. Bisognerebbe prevedere l’allontanamento in altri Comuni vicini per i vertici burocratici, per la stessa durata del commissariamento. E utilizzare al meglio i funzionari esterni previsti dall’ex articolo 145. E questo andrebbe fatto anche in assenza di fatti penalmente rilevanti, proprio perché lo scioglimento del Comune è una misura straordinaria di carattere preventivo.

“Altro requisito necessario per la efficacia del provvedimento – ha concluso il presidente dell’Antimafia regionale – sarebbe la “unicità” dell’incarico del commissario (non si può  contemporaneamente lavorare al Comune ed in Prefettura) e la sua accertata managerialità, con inclusione in un apposito albo del ministero dell’Interno. Infine, una serie di deroghe alle norme in materia finanziaria e di contratti e appalti: nei due anni in cui lo Stato amministra un Comune ritenuto vulnerabile alle pressioni mafiose deve poter dimostrare alla comunità locale la “differenza” della propria gestione diretta.”

Archivi