Da” Repubblca”:”Scoppia il caso del senatore Fazzone: siede in Antimafia ma si erra schierato con le cosche”.

 

Scoppia il caso del senatore Fazzone: siede in Antimafia ma si era schierato con le cosche

di Alberto Custodero
24 agosto 2015

L’inchiesta di Repubblica sui comuni sciolti per mafia solleva l’inopportunità della presenza del parlamentare di FI nell’organismo parlamentare

loading

“Quel senatore si schierò a favore del comune infiltrato dalle cosche, è “impresentabile”, non può sedere in commissione Antimafia”. E’ l’inchiesta di Repubblica sullo scioglimento dei consigli comunali per mafia che fa scoppiare il caso Fazzone.

Quando il ministro dell’Interno Roberto Maroni chiese lo scioglimento del consiglio comunale di Fondi, infiltrato da ‘ndrangheta e camorra, il senatore Claudio Fazzone, ex Pdl, ora Fi, difese a spada tratta il comune infiltrato. Negò la presenza delle cosche accertata da una relazione di 500 pagine dell’allora prefetto di Latina, Bruno Frattasi. E attaccò lo stesso Frattasi minacciandolo di querela e chiedendo contro di lui una commissione d’inchiesta parlamentare.

Ora Fazzone (il cui nome era entrato nella relazione del prefetto in quanto in affari con pezzi dell’amministrazione collusa), siede nella commissione parlamentare Antimafia presieduta dalla dem Rosy Bindi. Si tratta della commissione bicamerale che fra l’altro si pronuncia sui comuni infiltrati. E giudica – come nel caso del governatore della Campania, Vincenzo De Luca – se i candidati alle politiche siano o meno impresentabili. Fazzone (che vanta il record delle assenze: non s’è mai presentato neppure una volta ai lavori della Commissione) si presenta come “imprenditore, funzionario di Polizia in aspettativa”. Residente proprio a Fondi dove gli è stata posta sotto sequestro una faraonica villa in quanto abusiva (formalmente intestata alla moglie), è un ex appuntato di pubblica sicurezza, ex autista di Nicola Mancino quando era ministro degli Interni, poi transitato nei servizi segreti. Postosi in aspettativa, ha cominciato la sua scalata politica, eletto alla Regione Lazio nel 2000 con più di 28mila preferenze, un terzo sono arrivate da Fondi proprio dove lui si è battuto per non far sciogliere il Comune per mafia. Rieletto nel 2005 con 38mila preferenze, si è poi dimesso per diventare senatore del Pdl.

Eppure c’era stato chi, a inizio dell’attuale legislatura, aveva tentato di stoppare in qualche modo la nomina di Fazzone all’Antimafia. È il caso della deputata dem Laura Garavini, che, in una riunione di Gruppo Pd, sollevò ufficiosamente la questione con Rosy Bindi, presidente della Commissione. La Bindi si trincerò (e si trincera ancora oggi) dietro la scusa che esistono delle regole. Ovvero, le nomine vengono fatte dai presidenti di Camera e Senato su indicazione dei partiti. E la commissione è negata in base a un codice etico interno a chi è indagato o rinviato a giudizio. Pare che anche in Senato qualcuno abbia posto al presidente Pietro Grasso la questione. Ma non ci fu nulla da fare: Fazzone fu nominato all’Antimafia. Dunque, chi ha difeso comuni collusi e attaccato funzionari antimafia, è il benvenuto in questa Commissione?

“Trovo incredibile – risponde Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza per il Pd – che il senatore Fazzone sieda in quella commissione Antimafia che dovrebbe verificare tra l’altro le condizioni di scioglimento dei comuni a rischio infiltrazioni. Proprio lui che a suo tempo minacciò di querelare il prefetto Frattasi che, giustamente, aveva chiesto all’allora governo Berlusconi lo scioglimento del comune di Fondi infiltrato da organizzazioni criminali”. “A mio parere – aggiunge Fiano – la commissione Antimafia (ovviamente nella sua autonomia) dovrebbe valutare l’opportunità che un senatore citato più volte nella relazione del prefetto di Latina relativa allo scioglimento di Fondi rimanga membro della Commissione che proprio questi fatti dovrebbe giudicare”.

“Cambiare la legge sullo scioglimento – commenta Laura Garavini, componente storica dell’Antimafia – rischia di essere solo un alibi. Basta applicare bene la normativa esistente. ma prima di tutto bisogna avere il coraggio di guardare al proprio interno”. “Se – continua Garavini – addirittura in Antimafia ci sono persone che poco tempo fa si sono adoperate affinché la legge sullo scioglimento non fosse rispettata – come Fazzone per Fondi – allora possiamo cambiare tutte le leggi del mondo. Ma il risultato rischia di essere lo stesso”.

Per Claudio Fava, vicepresidente della Commissione, ex Sel, ora all’opposizione come indipendente di sinistra, “in una Commissione così delicata conta anche il senso dell’opportunità. Peraltro, l’assenza di Fazzone di fatto da un anno e mezzo in Commissione, pur essendone un componente, ci dice due cose: o il suo imbarazzo. O la sua indifferenza per le materie trattate”. “In entrambi i casi – osserva Fava – non mi pare un atteggiamento di assoluta responsabilità”. Dopo il codice sugli impresentabili alle politiche, ce ne vorrebbe allora uno anche per chi entra all’Antimafia, cioè per chi giudica gli impresentabili?

“Non credo – conclude il vicepresidente dell’Antimafia – che un codice di autoregolamentazione possa valutare una questione di opportunità. Più che un codice, conta avere piena responsabilità: chi sceglie di sedere in questa Commissione, deve starci solo se si ritiene totalmente libero. E totalmente interessato a svolgere questa attività”.

Archivi