Da Limes.Le radici della mafia

Le radici della mafia dal 1870 al 1900

le radici della mafia dal 1870 al 1900 820
18/11/2013

 

 

“Gli storici più autorevoli hanno smentito la convinzione semplicistica, quasi mitologica, che le origini della mafia siano da rintracciare in aggregazioni rurali arcaiche e riferiscono invece che le organizzazioni mafiose siciliane si configuravano anticamente come strettamente legate alla città e ai suoi apparati di potere. Si trattava già in principio di gruppi dediti a crimini comuni, anche di basso profilo, non privi di una certa influenza socio-politica.

 

Il vero momento costituente del fenomeno mafioso è il periodo storico in cui la mafia più antica comincia a darsi regole e strutture, a interagire sistematicamente con la società e a interferire con il funzionamento delle istituzioni. Risale a quel tempo il progressivo radicamento sociale di una mafia alta o «in guanti gialli», che si trasformerà presto anche in forza elettorale, in referente e strumento di forze politiche e amministrazioni pubbliche.

 

La profonda penetrazione della mafia nel corpo vivo della società è un carattere essenziale delle associazioni mafiose geopoliticamente rilevanti. Il dominio del territorio si fonda anzitutto sul riconoscimento sociale, sul consenso. Una legittimazione culturale, intrisa di valori tradizionali e religiosi, veri e posticci, fondata sul falso mito della mafia «delle origini»: giusta, rispettosa di princìpi morali, protettrice dei deboli, risolutrice dei conflitti, dispensatrice di welfare. Poi, sulle relazioni strutturali con il potere ufficiale.

 

La mafia è geneticamente creatura politica: ricerca, coltiva interazioni con il potere istituzionale e influenza i processi politici strumentalmente alla conservazione e al rafforzamento della propria élite.”

 

Una mappatura del consolidamento mafioso nella Sicilia di fine Ottocento, con le province a più alta e bassa densità mafiosa, il collocamento e raggio d’azione delle sette maggiori, le basi d’appoggio del banditismo.

 

La carta indica anche le direttrici principali dell’emigrazione siciliana oltremare e del commercio verso l’Europa e gli Stati Uniti.

 

Carta e citazione da “Fenomenologia dei poteri mafiosi”, articolo presente in Il circuito delle mafie

Archivi