Da Frosinone. Riceviamo e pubblichiamo

FROSINONE: QUANTO COSTA LA GIUSTIZIA?

Egregia ASSOCIAZIONE CAPONNETTO, ho deciso di scriverti qualche rigo per ricordarti un altro pezzo della mia “avventura” in fatto di giustizia e legalità. Lo faccio anche per informare i visitatori del sito (nel caso vogliate pubblicarla) di quanto sacrificio ci vuole in provincia di Frosinone, per vedere riconosciuti i propri diritti, ammesso che ciò avvenga. Per chi ancora non mi conosce, mi chiamo Domenico Maura e da circa quattro anni combatto per rivendicare i miei diritti di lavoratore e soprattutto di cittadino di Ceccano. Dopo essere stato licenziato da una cooperativa, la A.S.S.SER.COOP di Ceccano nel 2003, ho scoperto che la stessa si aggiudicava appalti illegali dichiarando il falso in materia fiscale.La stessa aveva lavorato per una ventina d’anni nel comune ove risiedo.Naturalmente, avendo scoperto una gravissima illegalità ho deciso di denunciare il tutto all’autorità giudiziaria. Ebbene, da quel momento in poi, ho dovuto ricorrere in vari tribunali della Ciociaria per le denunce di ritorsione che mi sono arrivate da una serie di personaggi che ruotavano intorno a questo business illegale.La cooperativa in questione nel frattempo è fallita con centinaia di migliaia di euro di debiti erariali. Fortunatamente, finora non ho riportato nessuna condanna, solo che per un semplice operatore sociale che vive di stipendio, è davvero difficile pagare un avvocato per diversi ricorsi.Giovedì 14 Aprile ci sarà l’udienza che mi vedrà comparire davanti al GUP per una denuncia per calunnia a me inoltrata dal sindaco di Ceccano Antonio Ciotoli, l’ultima in ordine cronologico.A prescindere dal merito delle varie denunce che mi sono arrivate, vorrei soltanto chiedere a chi di dovere, quanto debba durare ancora questa storia e cosa aspetta la Procura della Repubblica di Frosinone nel voler prendere decisioni in merito al procedimento penale aperto dopo la mia denuncia inoltrata nel Marzo 2008, per la quale era stata delegata la GdF per gli approfondimenti.Se giustizia ci deve essere, e se tribunale ci deve essere, sia uguale per tutti.Invito il magistrato Alessandro Di Cicco titolare del fascicolo della denuncia che ho inoltrato nel voler prendere una decisione, qualsiasi essa sia.Un segnale che dia vigore a chi ancora crede nella legalità e che infonda coraggio a chi si è rivolta a Lei per avere giustizia, quella degli uomini.

Cordiali saluti                                                                             
Domenico Maura

Archivi