Credit Suisse a processo, è accusata di riciclare i soldi della mafia bulgara

Credit Suisse a processo, è accusata di riciclare i soldi della mafia bulgara

Albert Ifrim 07 Febbraio 2022

Da oggi la banca svizzera Credit Suisse sarà chiamata a rispondere davanti al Tribunale penale federale (TPF) dei suoi presunti legami con la mafia bulgara, attiva nel traffico di cocaina internazionale e nel riciclaggio di denaro.
Secondo gli inquirenti, infatti, il dispositivo antiriciclaggio dell’istituto di credito elvetico “presentava molteplici carenze” ed era caratterizzato da un’assenza di controlli e da un sistema di compliance “inefficiente” e “superficiale”.
Si tratta della conclusione di un fascicolo svizzero di un’inchiesta di 15 anni che ha avuto ramificazioni anche in Bulgaria, Italia, Romania, Spagna e Portogallo.
Sul banco degli imputati sono finiti, oltre alla banca, diverse persone collegate alla rete criminale con a capo il trafficante della droga bulgaro Evelin Banev. Tra i quali un consulente finanziario, un ex lottatore bulgaro, un ex dipendente della Julius Bär e l’ex impiegata della Credit Suisse. Le gravi accuse mosse nei confronti dei possibili faccendieri della criminalità bulgara sono di partecipazione ad un’organizzazione criminale, riciclaggio di denaro qualificato e falsità in documenti.
Secondo l’accusa, solo presso questa banca, Banev sarebbe riuscito a far aprire 84 conti e otto cassette di sicurezza. Inoltre, presso la sede di Zurigo della seconda banca elvetica, avrebbe riciclato più di 146 milioni di franchi (circa 137 milioni di euro) in quattro anni, una parte dei quali depositati in contanti.
Ovviamente la banca ha respinto completamente le accuse definendole “inconsistenti” e sostenendo la totale innocenza della sua funzionaria.
Quest’ultima, secondo le oltre 600 pagine degli atti d’accusa depositati dalla procura federale, avrebbe permesso di effettuare delle operazioni finanziarie alla criminalità organizzata, omettendo i chiari indizi sulla fonte illecita dei fondi e non seguendo così l’iter procedurale richiesto dalle norme antiriciclaggio.

Fonte:https://www.antimafiaduemila.com/home/mafie-news/309-topnews/87958-credit-suisse-a-processo-e-accusata-di-riciclare-i-soldi-della-mafia-bulgara.html

Archivi