Cosa succede se si pente Luigi Cassandra? Altre ordinanze sulle speculazioni immobiliari del clan dei Casalesi, ma pensare a grandi scossoni politici è illogico. Vi spieghiamo il perchè

Cosa succede se si pente Luigi Cassandra? Altre ordinanze sulle speculazioni immobiliari del clan dei Casalesi, ma pensare a grandi scossoni politici è illogico. Vi spieghiamo il perchè

Avrebbe chiesto di parlare con i pm della Dda

TRENTOLA DUCENTA – E’ da almeno 6 anni che balla l’ipotesi di un pentimento di Luigi Cassandra, più volte amministratore comunale di Trentola Ducenta, candidato, poi congelato, alle elezioni provinciali del 2010, con l’Udc di Zinzi, colpito da diversi avvisi di garanzia e da qualche provvedimento blando di limitazione della libertà personale, fino all’arresto, avvenuto lo scorso 14 dicembre, nell’ambito della ordinanza Jambo.

Oggi si ritorna a parlare di una volontà di Cassandra di raccontare cose che non ha mai raccontato ai magistrati. A quanto si dice, avrebbe chiesto di parlare con i pm della Dda.

Cosa potrà dire eventualmente Cassandra, oltre a confermare ciò che la Dda ha già trasformato in richieste pesanti di condanna nel primo processo, quello con rito abbreviato, connesso alla citata ordinanza Jambo?

Potrà sicuramente raccontare di altri appalti, di altri lavori pubblici e di altre operazioni immobiliari, sviluppatesi nel territorio di Trentola. Sui politici potrebbero aggravarsi le posizioni dell’ex sindaco Michele Griffo, di altri che hanno ricoperto dei ruoli a Trentola.

Al di fuori di Trentola e al di fuori del recinto degli affari di camorra dell’agro aversano, l’unica cosa che potrà dire riguarda le modalità con cui ottenne dall’Udc la sua candidatura alle provinciali.

Ma pensare ad un terremoto non è nella logica dei fatti, perchè Cassandra è stato troppo intraneo, troppo visibile quale “uomo di dentro” della camorra trentolese, per poter svolgere quel ruolo di colletto bianco, più o meno insospettabile, in grado di entrare, senza che fossero alzate barriere di cautela, nelle stanze dei politici che contano o che contavano a livello provinciale e regionale.

 

 

RED. CRO.

PUBBLICATO IL: 25 settembre 2016 ALLE ORE 10:44 fonte:www.casertace.net

Archivi