Convegno Fillea-CGIL sulle infiltrazioni mafiose nel Lazio. Ma com’è che CISL, UIL, gerarchie ecclesiastiche ed imprenditori nel Lazio tacciono?

La mappa delle infiltrazioni mafiose negli appalti laziali è preoccupante. La ‘Ndrangheta la fa da padrona in quattro province della Regione, ma anche la Camorra agisce nelle provincia di Roma, Latina e Frosinone, mentre cominciano ad essere evidenti le presenze anche di Cosa Nostra e Sacra Corona Unita.
Questi i dati che emergono dal rapporto sulle presenze della criminalità organizzata a Roma e nel Lazio del 2007 e in questi 2 anni la situazione non è certo migliorata. Per far fronte a quelle che è diventata una vera e propria emergenza, la FILLEA CGIL Roma e Lazio ha organizzato per il 19 novembre prossimo un convegno dal titolo ‘CANTIERI TRASPARENTI: LE MANI GIUSTE SULLA REGIONE’ in cui illustrerà la mappa aggiornata della situazione nella Regione e le proposte della categoria per contrastare le infiltrazioni mafiose negli appalti del Lazio.
Il convegno si terrà alle 9,30 presso l’Aula Magna dell’Istituto Superiore Antincendi di Roma, in Via del commercio, 13 e vedrà la presenza di nomi importanti della lotta alla mafia sul territorio.
Relazionerà Roberto Cellini, Segretario Generale FILLEA Cgil Roma e Lazio. Interverranno: Vincenzo Bonifaci, Vice Presidente dell’ANCE, Enzo Ciconte, Presidente dell’Osservatorio tecnico-scientifico sulla sicurezza e la legalità della Regione Lazio, Claudio Di Berardino, segretario Generale CGIL Roma e Lazio, Maurizio Fiasco, Sociologo, Luigi De Ficchy, Procuratore Capo di Tivoli, Piero Luigi Vigna, già Procuratore Nazionale Antimafia.
E’ stato inoltre invitato Tommaso Cottone, Procuratore Capo Regione Sardegna. Coordinerà Enrico Fierro, giornalista e concluderà i lavori Walter Schiavella, Segretario Generale FILLEA CGIL.
Il convegno è stato presentato al Presidente della Corte d’Appello di Roma, Giorgio Santacroce, per l’impegno strategico che la FILLEA si prefigge per contrastare il fenomeno.

(Tratto da CivisOnline)

Archivi