Contro la censura dell’informazione

Par condicio/Per Santoro e Floris puntata web il 25 marzo

Il 25 marzo “Annozero” realizzerà una puntata-evento che sarà trasmessa sul web. Idea lanciata da Michele Santoro subito dopo la sospensione dei talk show decisa dal Cda della Rai in applicazione del regolamento sulla par condicio, alla quale la redazione, con il supporto di Fnsi e Usigrai, ha lavorato in questi giorni e che ora si va concretizzando. Siddi: Lettera a Masi e Garimberti, iniziativa contro censura

Stamani, alla manifestazione ‘Sbavagliando’, promossa da Fnsi e Usigrai e che si è tenuta davanti la sede Rai di Viale Mazzini, ne ha parlato il segretario della Fnsi Franco Siddi ribadendo il sostegno della Federazione alla libera informazione, quanto ad Annozero, dice il presidente Roberto Natale, “ci sono delle novità”, probabilmente una puntata-evento le cui immagini saranno diffuse su internet con il supporto della stessa Fnsi e dell’Usigrai.

Per evitare contenziosi legali, ovviamente, la puntata di ‘Annozero’ sul web avrà la veste di una manifestazione pubblica: “Non sappiamo ancora in che città si farà – precisa il segretario della Fnsi Franco Siddi – stiamo trattando, serve un posto che possa accogliere migliaia di persone, che pensiamo ci saranno”. Arcore? “No, non siamo soggetto della campagna elettorale, anche se – aggiunge – ci rendiamo conto che questo dibattito sull’informazione si svolge in periodo elettorale”. Sui mezzi tecnici per riprodurre in una piazza o in un Palasport una grossa produzione “ci stiamo lavorando, con delle società specializzate” dice ancora Siddi. “E sono in corso azioni per l’autofinanziamento di questa iniziativa: confidiamo molto nella risposta dei cittadini”.

“Abbiamo inviato – spiega il segretario del sindacato dei giornalisti – una lettera al direttore generale della Rai Masi e al presidente Garimberti, nella quale li informiamo che proseguiamo il nostro sostegno alla libera circolazione delle informazioni e al pieno sviluppo del lavoro giornalistico. E in questo ambito di iniziativa sindacale promuoviamo una iniziativa pubblica alla quale interverranno l’intera redazione di Annozero e il conduttore di Ballarò Giovanni Floris. Li informiamo, notificando loro che metteremo in rete questa iniziativa che Santoro e Floris condurranno in pubblico e la renderemo disponibile in streaming su Internet”.

“E’ lo sviluppo concreto – dice ancora Siddi – della nostra dichiarazione di offerta di copertura politica e sindacale a tutti i conduttori impediti di fare il loro lavoro a causa di una incredibile delibera della Vigilanza e di una ancor più sciagurata decisione della Rai che ha soppresso per tutto il periodo elettorale le trasmissioni più note. Questa iniziativa è ripetibile e disponibile per tutti coloro che in questo momento vivono una fase di impedimento alla loro attività professionale e culturale nel servizio pubblico”. In realtà per ora solo Santoro e Floris stanno lavorando a un talk show dal vivo, anche se quello del conduttore di Ballarò dovrebbe essere itinerante, nelle regioni dove si voterà a fine marzo. Quanto a Bruno Vespa, non è esclusa una sua partecipazione all’iniziativa di Santoro, ma al momento non ci sono notizia del possibile trasloco in piazza delle poltroncine bianche di Porta a porta.

“Oggi siamo in presenza – continua Siddi – di una censura preventiva, impraticabile, inconcepibile in un sistema di democrazia matura, e di un divieto di lavoro per i giornalisti.
E’ inaccettabile che un potere esterno debba decidere il menabò, i titoli, la gerarchia nella scelta delle notizie che il sistema dell’informazione deve offrire al pubblico. E’ una lesione dell’autonomia professionale e un danno grave, dal punto di vista economico, al servizio pubblico, privato della pubblicità per i programmi cancellati”.

(Tratto da Aprile online)

Archivi