Comunicato.

 Dopo i tanti scandali che stanno caratterizzando il mondo della cosiddetta “antimafia sociale”,nella quale si annidano parolai ed impostori di ogni specie,anche al fine di tutelare  l’immagine ed il ruolo di coloro che fanno,a proprie spese e senza chiedere soldi,convenzioni .agevolazioni o quant’altro alle istituzioni,la Commissione parlamentare antimafia ed i parlamentari del M5S – gli unici che  ad oggi sembrano più sensibili ai problemi della lotta alle mafie – comincino a studiare una legge che  escluda le associazioni e le fondazioni antimafia  ed antiracket dalla gestione di beni confiscati ,di esercizi commerciali,bar,ristoranti  o quant’altro costituisca fonte di business.
Cosa c’entra il business con la lotta alle mafie ?
Lotta alle mafie significa solamente sostegno alla Magistratura con un’opera assidua e concreta di INDAGINE e DENUNCIA. Punto.
                                                                                                                                                        Associazione A.Caponnetto
Archivi