Comunicati ANSA relativi all’Associazione Caponnetto

2015-10-06 14:50
Minacce a sindaco Giugliano, solidarietà ass. Caponnetto
Prossimo convegno nazionale il 30 ottobre a Giugliano
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 OTT – L’associazione antimafia Antonino Caponnetto, che a Giugliano (Napoli) terrà il prossimo convegno nazionale il 30 ottobre sul tema delle ecomafie – in collaborazione con l’Associazione Nazionale Carabinieri, con la partecipazione di vari esponenti dello Stato quali il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti e con il patrocinio del Comune di Giugliano – esprime vicinanza e solidarietà al sindaco di Giugliano, Antonio Poziello. Ieri scritte minacciose nei confronti del sindaco, firmate dalla fantomatica sigla Nfo, sono apparse sui muri di una piazza centrale di Giugliano. Il messaggio intimidatorio fa seguito alla lettera anonima di analogo tenore ricevuta da primo cittadino in municipio.(ANSA).
VR-COM/
S44 QBXO
Mafia: prof.Galasso nuovo presidente Associazione Caponnetto
Subentra ad Antonio Esposito
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 OTT – L’Assemblea degli iscritti all’Associazione Caponnetto ha eletto come suo nuovo presidente onorario il professor Alfredo Galasso. Galasso subentra al magistrato Antonio Esposito, presidente della Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione, che per due anni ha svolto il suo mandato al vertice della Caponnetto. Al giudice Esposito è andato il ringraziamento unanime degli iscritti. Alfredo Galasso, avvocato, politico e docente universitario, è professore di Diritto Civile e di Diritto Bancario e Legislazione Antimafia presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo. Dal 2001 è Direttore della Scuola di specializzazione per le professioni legali. Ha insegnato Diritto del Lavoro presso l’Università di Catania e Diritto Civile presso l’Università di Perugia. Per alcuni anni docente stabile presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, è stato componente del Consiglio di Giustizia Amministrativa, Sezione Consultiva, operante in Sicilia quale Sezione del Consiglio di Stato. E’ stato membro del Consiglio Superiore della Magistratura, parlamentare regionale in Sicilia e deputato alla Camera nel 1992, eletto nel movimento La Rete, di cui fu uno dei fondatori, coordinatore nazionale e componente della Commissione Parlamentare Antimafia. Nell’esercizio della professione forense ha assistito numerose famiglie vittime di mafia. Come avvocato è noto per la sua partecipazione ad importanti processi, come il primo maxiprocesso contro la mafia (1986), e quello contro Giulio Andreotti; ha difeso i familiari delle vittime della strage di Ustica, dell’incendio della Moby Prince e tanti altri ancora. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche in tema di tema di Diritto Civile, Diritto Commerciale, Diritto Bancario.(ANSA).
Archivi