COMUNE DI FONDI: LA MINORANZA CHIEDE LA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE NEL PROCESSO DAMASCO 2

LA MINORANZA CHIEDE AL SINDACO LA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE NEI PROCESSI PER MAFIA

I Consiglieri di minoranza della Lista Civita Per Fondi, Partito Democratico, Progetto Fondi, Uniti per Fondi, Lista Lido di Fondi e Gruppo Misto, hanno chiesto ed ottenuto per lunedì 25 p.v., alle ore 11,00, un incontro con il Sindaco Salvatore De Meo per invitarlo a considerare la necessità di costituzione di parte civile nel processo Damasco 2 da parte dell’Amministrazione comunale, che ha visto la prima udienza rinviata al prossimo 2 novembre.
La richiesta nasce dalla necessità di dare un segnale forte e preciso di impegno della difesa dell’immagine della nostra Città con un Consiglio comunale che si ritrova compatto sui temi della legalità e della lotta alle infiltrazioni della criminalità organizzata sul nostro territorio e, contemporaneamente, un segnale di discontinuità con la precedente esperienza amministrativa, a guida Luigi Parisella, arroccata in una posizione di totale chiusura su questi temi.
Tutto ciò anche alla luce della chiara presa di posizione della Giunta regionale di centro destra a guida Renata Polverini, che si è costituita parte civile in questo processo e ha dichiarato di volerlo fare in tutti i processi di mafia che riguardano il sud pontino. Una posizione, quella della Giunta regionale, che dimostra l’importanza di considerarsi parte lesa nei confronti dei clan malavitosi che operano in Provincia di Latina.
Considerati gli ultimi avvenimenti di cronaca provinciale, che hanno visto in prima fila la Questura di Latina concludere le proprie indagini con decine di arresti di personaggi noti per la loro pericolosità criminale, associati tra di loro dal vincolo dell’associazione mafiosa; appare sempre più importante che il Comune di Fondi, dia concretamente un segnale di consapevolezza del pericolo che la criminalità organizzata rappresenta per la nostra economia e per l’intera collettività.
Un eventuale rigetto di questa richiesta,  farebbe tornare indietro questa Giunta, che a parole si dice pronta a lottare contro la malavita, ad una posizione di negazionismo e di sottovalutazione di un pericolo che persiste, nonostante l’impegno che tutte le Forze dell’ordine e la Magistratura stanno mettendo in campo. Le mafie sul nostro territorio stanno continuando ad operare con i loro affari criminali nei settori economici più importanti: dall’edilizia al commercio, dal controllo del traffico di droga alla gestione indiretta di attività nei settori dei pubblici esercizi. Non abbassare la guardia rappresenta un imperativo categorico, e la costituzione di parte civile lo riteniamo un segnale importante dato in questo senso.
Fondi, lì 22 ottobre 2010

I Consiglieri comunali di: Lista Civita per Fondi, Uniti per Fondi, Partito Democratico, Progetto Fondi, Lista Lido di Fondi, Gruppo Misto.

Archivi