Coinvolti anche Scauri e Minturno

Qualche giorno fa la Squadra Mobile di Napoli ha
eseguito un’ O.CC. in carcere emessa dal GIP di NAPOLI a carico di
diversi esponenti del clan SACCO-BOCCHETTI di cui si parla tanto in
questi ultimi tempi anche per quell’omicido ripreso dalle telecamere.
Ebbene, a leggere i capi d’imputazione, ci sono venuti in mente tutti quei
NEGAZIONISTI che
si ostinano a dire che in provincia di Latina… non c’è mafia.
Si vergognino!

E questo cos’è allora?

12 indagati… OMISSISS…

responsabili di

B. del delitto p. e p. dagli artt.74 d. P. R.309/90 comma I, 11, IV, e art.
7 1.
203191 per essersi associati tra loro e con altre persone non identificate
per
commettere più delitti previsti dall’art.73 d. P. R.309/90, detenere e
commercializzare – principalmente nelle zone di Napoli Secondigliano e
San Pietro
a Patierno, ma anche Minturno e Scauri (LT), ove e’ egemone il clan
Sacco/Bocchetti – sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish, eroina,
da
commercializzare su singole piazze di spaccio obbligate a rifornirsi
dagli affiliati al
clan Sacco Bocchetti o dai loro fornitori alleati, owero in compravendite
all’ingrosso (i c. d. passaggi di mano).
Con l’ulteriore aggravante, per tutti, di aver commesso i fatti awalendosi
delle
condizioni previste dall’art.416 bis C. P. ed al fine di agevolare
l’attività
dell’associazione camorristica denominata clan Sacco Bocchetti di cui
al capo A).
In Napoli, Scauri e Minturno, fino al dicembre 2009, condotta perdurante.

Archivi