Clan Mallardo, a rischio scarcerazione esponenti di spicco ed imputati nel processo Big sick

Clan Mallardo, a rischio scarcerazione esponenti di spicco ed imputati nel processo Big sick
Presentate le richieste al Tribunale del Riesame dagli avvocati difensori

Mercoledì 8 Giugno 2016

di REDAZIONE

GIUGLIANO. Si è tenuta stamattina, davanti al gip Claudio Marcopido del Tribunale di Napoli, una nuova udienza del processo Big sick, che vede imputate ancora 50 persone. A fine aprile c’è stata la requisitoria del pm della DDA Maria Cristina Ribera che ha formulato le richieste di condanna che vanno dai 3 anni ai 20 chiesti per il boss Vincenzo ‘o Malato.

Stamattina c’è stata la discussione degli avvocati difensori, che continuerà nella prossima udienza del 20 giugno, dopodichè ci sarà la sentenza. Molti legali hanno presentata istanza di scarcerazione al tribunale del Riesame per decorrenza dei termini. Se i giudici dovessero accogliere le richieste ci sarebbe una clamorosa liberazione di imputati sottoposti a misura cautelare prima della sentenza di condanna. Già è stato scarcerato Giuliano Pianese detto “Giulianiello”.

Tra i reati contestati a vario titolo ci sono: associazione di stampo mafioso, estorsione, truffa, ricettazione, violenza privata, minaccia, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e false dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria, turbativa d’asta. Nel mirino degli uomini del Gico, Gruppo investigazione criminalità organizzata, l’ala “militare” del clan, che per gli inquirenti era capeggiata da Vincenzo D’Alterio e Giuseppe Ciccarelli che, “mediante l’intimidazione mafiosa, avrebbero controllato il territorio sulla fascia costiera dell’area settentrionale di Napoli (Varcaturo, Lago Patria e Licola)”. Alcuni degli arrestati sono tutt’ora in carcere, mentre altri, tra cui il medico dell’Asl Perrino, fu scarcerato dal Riesame.

fonte:www.internapoli.it

Archivi