Clan ed appalti.Importante operazione della DDA di Napoli. “Condotte illecite di carabinieri e finanzieri”

 

Mezzogiorno, 14 luglio 2015 – 08:47

Clan e appalti: in manette l’ex sindaco Del Gaudio, chiesto alla Camera l’arresto di Sarro (Fi). Giallo Zagaria 

Per i lavori alla rete idrica casertana 13 ordinanze. Con la complicità di un appartenente alle forze dell’ordine spariti documenti importanti che il boss dei casalesi aveva con sé nel suo covo. Anche gli appalti Gori dell’Ato3 pilotati in favore delle ditte mafiose. Il pm Borrelli: «Reati che gridano vendetta per i cittadini»: Barbato (Udeur) «l’uomo chiave» 

di Titti Beneduce 

 

L’ex sindaco di Caserta Pio Del Gaudio (al centro)

Tredici Ordinanze di custodia cautelare sono state notificate dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Caserta nell’ambito di un’inchiesta sui lavori urgenti nel comparto delle acque, affidati a trattativa privata a ditte iscritte nell’albo delle imprese di fiducia: in questo modo circa 150 milioni in cinque anni, tra il 2006 e il 2010, sarebbero finiti nelle casse del clan dei casalesi e in particolare del gruppo Zagaria. 

 

 

L’ex sindaco, il deputato e i consiglieri regionali 

 

Carlo Sarro
Carlo Sarro

Tra i destinatari delle ordinanze cautelari vi sono personaggi eccellenti, tra cui l’ex sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, l’ex consigliere regionale Angelo Polverino, già coinvolto nell’inchiesta sull’ospedale di Caserta, e numerosi funzionari regionali. Nei confronti di Carlo Sarro, deputato di Forza Italia e Commissario dell’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano, è stata inviata alla Camera una richiesta di autorizzazione all’arresto. 

 

I lavori

Dalle indagini è emerso che una settantina di imprese, in gran parte legate alla camorra, per compiere riparazioni urgenti alla rete idrica si aggiudicavano i micro lotti di poche decine di migliaia di euro ciascuno, importi inferiori, cioè, al tetto che impone la certificazione antimafia. Le riparazioni, in realtà, non erano urgenti e in alcuni casi erano inesistenti. 

 

Associazione camorristica

I reati ipotizzati a vario titolo sono concorso esterno in associazione camorristica, corruzione e turbativa d’asta. L’inchiesta dei pm Antonello Ardituro (ora al Csm), Catello Maresca, Maurizio Giordano e Cesare Sirignano, è coordinata dall’aggiunto Giuseppe Borrelli. 

 

«Spariti» i documenti digitali del boss 

Un capitolo dell’ordinanza è dedicato alla cattura del boss Michele Zagaria, avvenuta il 7 dicembre del 2011 a Casapesenna. Su quell’operazione ci sono ombre: non c’è traccia infatti di una chiavetta usb con documenti importanti che il superlatitante avrebbe avuto con sé nel suo covo sotterraneo. 

 

Un uomo in divisa ha dato la Usb all’imprenditore Fontana 

La chiavetta Usb che era nel bunker dove è stato catturato Michele Zagaria è «sparita con la collaborazione di un non meglio identificato appartenente alle forze dell’ordine che avrebbe poi favorito l’arrivo della chiavetta nelle mani di Orlando Fontana, fratello dell’imprenditore edile Giuseppe Fontana», rivela poi Giuseppe Borrelli, procuratore aggiunto della Dda di Napoli. La chiavetta usb è a forma di cuore e ne è stata accertata l’esistenza «nel corso di indagini successive attraverso intercettazioni avvenute ben dopo le operazioni di cattura di Zagaria». «Non si può escludere – ha aggiunto il procuratore capo di Napoli Colangelo – un contatto tra Zagaria e un’altra persona in quei concitati momenti».

 

Per la pen drive di Zagaria pagati 50mila euro

Cinquantamila euro: questa la cifra che sarebbe stata pagata da Orlando Fontana, fratello di Pino Fontana, referente imprenditoriale dell’ex boss Michele Zagaria, per entrare in possesso della pen drive trafugata dal bunker sotterraneo di un’abitazione di Casapesenna (Caserta) dove l’ex primula rossa del clan dei casalesi venne arrestato il 7 dicembre del 2011. Della presunta trattativa, che vedrebbe come interlocutore di Orlando Fontana un appartenente alle forze dell’ordine, gli inquirenti vengono a conoscenza attraverso un’intercettazione ambientale tra due persone che riferiscono della vicenda pur non essendone stati protagonisti. La Procura, comunque, ha fatto delle analisi sul personal computer dell’ex boss durante le quali sono emerse delle anomalie.

 

Gli appalti Gori alle ditte dei Zagaria

L’inchiesta apre un enorme capitolo sulla gestione del sistema idrico in una larga porzione della Campania. Carlo Sarro è commissario del consorzio Ato 3, che gestisce dal punto di vista amministrativo il ciclo delle acque nella zona vesuviano-sarnese. È accusato anche di avere “pilotato” alcuni appalti della Gori, la società che per conto di Ato 3 gestisce il ciclo delle acque, facendoli aggiudicare a ditte vicine al clan Zagaria. Negli ultimi giorni anche il garante anticorruzione Raffaele Cantone aveva espresso perplessità sul suo incarico, sino a dichiararne l’incompatibilità.

 

A Del Gaudio soldi dal finto imprenditore anti-racket

Invece a Pio Del Gaudio, sfiduciato lo scorso maggio dalla sua maggioranza, viene contestato anche un finanziamento illecito: un imprenditore colluso col clan dei casalesi sovvenzionò la sua campagna elettorale con 20.000 euro. Nell’inchiesta della Dda di Napoli spunta anche la storia dell’imprenditore edile Giuseppe Fontana, dal 2009 colpito da un provvedimento interdittivo antimafia e costretto a non poter più contrattare con la Pubblica Amministrazione. Fontana ha tentato di eludere il divieto attraverso una «rigenerazione», denunciando, insieme ad altri imprenditori della zona, una serie di episodi estorsivi riconducibili all’allora latitante Michele Zagaria. Grazie alle intercettazioni effettuate, gli inquirenti sono riusciti ad accertare che i fatti denunciati rappresentavano solamente «l’inizio di un più complesso disegno finalizzato a ottenere una “rigenerazione” di tutti quegli imprenditori che, anche a seguito della costituzione di un’associazione antiracket, avrebbe garantito loro nuove commesse con la Pubblica Amministrazione». 

 

Il boss Zagaria conferma le accuse agli ex amici

Quanto emerso nell’inchiesta è stato confermato dallo stesso Michele Zagaria che, nel corso di un processo, in sede dibattimentale, ha spontaneamente negato di essere il mandante delle denunciate estorsioni precisando, di contro, di essere stato molto legato dal punto di vista economico ed «affettivo» agli imprenditori denuncianti.

 

A casa di Nicola Cosentino

Fontana che tentò di accreditarsi come imprenditore anticamorra, è la stessa persona che accompagnò l’ex assessore regionale Fulvio Martusciello a casa di Nicola Cosentino, destinatario di diverse ordinanze di custodia cautelare, mentre questi era ai domiciliari. 

 

Sarro ricattato per una maxi-tangente

Attraverso un radicato rapporto di amicizia con Giovanni Cosentino e Maria Costanza Esposito, rispettivamente fratello e consorte di Nicola Cosentino, l’imprenditore Fontana ha tentato di ottenere da Carlo Sarro, Commissario Straordinario dell’ATO 3 «Sarnese-Vesuviano», Ente d’Ambito che gestisce i servizi idrici nelle province di Napoli e Salerno, l’assegnazione di un grosso appalto bandito da quell’ente, rappresentando altresì l’intenzione, qualora la sua richiesta non fosse stata esaudita, di denunciare lo stesso Carlo Sarro, poiché destinatario di una tangente di 2.500.000 euro. 

 

Le imprese coinvolte 

Secondo quanto sostenuto dal Gip, Sarro con la complicità degli imprenditori edili Lorenzo Piccolo e Antonio Fontana, ha turbato il regolare svolgimento della gara d’appalto bandita dalla Gori e ricadente proprio nel territorio dell’AT03 Sarnese-Vesuviano relativa ai «Lavori di manutenzione, pronto intervento, rifunzionalizzazione, ricostruzione e riabilitazione delle reti idriche e fognarie» per un importo stimato in 31 milioni di euro. Sarro ne avrebbe garantito quindi l’aggiudicazione, in complessivi tre lotti, a ditte riconducibili al clan di Michele Zagaria, ed in particolare all’impresa di Lorenzo Piccolo, ossia la Idroeco S.r.l., che si è aggiudicata il primo lotto, ed al Consorzio Stabile Grandi Opere, riconducibile ad Antonio Fontana, che si è aggiudicata il terzo lotto; mediante l’elargizione, a seguito della promessa di aggiudicazione di appalti pubblici, di somme di denaro a esponenti politici locali. Si tratterebbe quindi del consigliere regionale Angelo Polverino, in occasione del rinnovo del Consiglio Regionale della Campania del 2011, e come detto all’allora sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, in occasione della sua candidatura a primo cittadino di Caserta.

 

In manette l’ex consigliere Udeur Barbato, quello che sputò in aula

 

Tra gli arrestati nel corso dell’operazione di oggi figura anche Tommaso Barbato, ex consigliere regionale ed ex senatore dell’Udeur, noto per avere sputato in aula, nel gennaio del 2008, al collega Nuccio Cusumano, che aveva votato a favore del governo Prodi. All’epoca, sottolineano gli inquirenti, era in posizione dirigenziale nell’acquedotto ed era in stretto contatto con «Francuccio» Zagaria.

 

«L’uomo dell’acqua» 

Secondo quanto ricostruito nelle indagini della Dda di Napoli, «il creatore della rete o comunque fortemente coinvolto era Tommaso Barbato», ha detto Giuseppe Borrelli procuratore aggiunto della Dda di Napoli, nel corso della conferenza stampa in Procura sull’operazione. Barbato, ex senatore e candidato, non eletto, alle ultime elezioni regionali nella lista Campania Libera, «all’epoca – prosegue Borrelli – era in posizione dirigenziale nell’acquedotto ed era in stretto contatto con Francuccio Zagaria, che era la mente imprenditoriale del clan e gestiva l’ospedale di Caserta dal suo ufficio nella struttura».

 

Il pm Borrelli: reati che «gridano vendetta per i cittadini» 

Tra le ipotesi di reato di corruzione e turbativa d’asta, una «grida vendetta per i cittadini, perché collegata a lavori di somma urgenza» ha aggiunto Borrelli. «La Regione Campania a fronte di una rete idrica non proprio all’avanguardia a livello internazionale, ha speso negli ultimi anni centinaia di milioni di euro in appalti per somma urgenza che sono stato aggiudicati solo a ditte di Casapesenna come se al di fuori di quel Comune non ci fossero idraulici».

 

Il Procuratore capo: «Condotte illecite di carabinieri e finanzieri»

L’indagine svolta dai Ros dei carabinieri di Caserta e coordinata dalla Dda di Napoli dimostra ancora una volta «che la camorra imprenditrice intreccia i suoi affari con la politica», ha detto invece il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo. «Duole dirlo – ha aggiunto il numero uno della Procura – ma le indagini del nucleo speciale dei carabinieri e del comando di Caserta hanno evidenziato condotte illecite anche di uomini dei carabinieri e guardia di Finanza».

 

M5S: «Tentacoli sull’acqua» 

«La richiesta dell’arresto del deputato Sarro per aver favorito il clan Zagaria traccia un quadro devastante in Campania: prima le mani sul gas, oggi sull’acqua. Proprio il Movimento Cinque Stelle aveva allertato l’Anac, attraverso un esposto del portavoce Luigi Gallo, sull’incompatibilità in qualità di commissario dell’Ato3, una gestione che aveva visto continui rincari a spese dei cittadini», rilevano in una nota i componenti della Commissione Antimafia del Movimento 5 Stelle. «Oggi assistiamo a una vera e propria ecatombe della politica corrotta» proseguono i parlamentari pentastellati, «non possiamo che congratularci per l’operato della magistratura e delle forze dell’ordine. Vogliamo che i cittadini comprendano quanto sia grave non ribellarsi alla corruzione: luce, gas, tutti costi che hanno riempito le tasche di veri e propri criminali in giacca e cravatta».

 

L’Ordine dei giornalisti sospende Del Gaudio

L’Ordine dei giornalisti della Campania «in applicazione della legge» ha sospeso «ad horas dall’albo il pubblicista Pio Del Gaudio» subito dopo aver appreso dell’operazione della Direzione Distrettuale Antimafia.


Archivi