Clan dei casalesi,politica e Imprenditori.Stessa spiaggia,stesso mare………………

ESCLUSIVO. CLAN DEI CASALESI, POLITICA E IMPRENDITORI. Stessa spiaggia, stesso mare, ma ora sta casa aspetta a te. UNA PER UNA, LE FOTO delle ville dei Cosentino, di Fontana, di Donciglio, e del boss Antonio Iovine rimaste vuote nell’agosto di BAIA AZZURRA

Abbiamo fatto un giretto rapido tra i viali dell’unico villaggio esclusivo del litorale Domizio, patria dei politici e degli uomini di danari di Casal di Principe, Casapesenna e dintorni

Cosentino1

 

 

SESSA AURUNCA (BAIA AZZURRA) – Una vecchia canzone napoletana intonava un ritornello molto conosciuto: “Torna, sta casa aspetta a te”. Le maggiori conseguenze, materiali, fisiche delle grandi e numerose inchieste sulle relazioni tra camorra e politica e tra camorra e colletti bianchi e ancora tra camorra e imprenditori, si possono plasticamente verificare in quello che è stato un luogo simbolo delle vacanze, sempre molto casalinghe, dell’elite politica e imprenditoriale casalese: stiamo parlando di Baia Azzurra, uno spazio di tre chilometri di spiagge, che servono un villaggio un po’ diverso, anzi, un bel po’ diverso per organizzazione e logistica rispetto a tutte le altre offerte balneari del litorale Domizio.

Ben presidiata, 4 villaggi per un complesso di circa 500 tra appartamenti e ville, unite in un solo supercondominio. Ma soprattutto molta tranquillità, attraverso la capacità di isolare questa Baia che si trova tra Mondragone e un’altra baia molto più frequentata dozzinalmente, cioè Baia Domizia, dalle complesse e spesso pericolose promiscuità con quell’autentico girone dantesco, rappresentato ancora oggi, dalla Domiziana.

“Torna, sta casa spetta a te”. Ci diceva in questi giorni un vacanziere affezionato di Baia Azzurra, che negli ultimi anni si sono diradate, mano, mano, le presenze più note sulle spiagge di Baia Azzurra. Ma lo choc è avvenuto in questa estate, in questo agosto.

Oltre a mancare all’appello i fratelli Nicola e Giovanni Cosentino, che già l’anno scorso non hanno potuto godere delle proprie bellissime ville, sono soprattutto i fratelli Martino, Pino Fontana, Donciglio, Licenza, tutti imprenditori dei cartelli di Michele Zagaria e Antonio Iovine ad essere stati assenti nelle giornate clou dell’estate 2015.

Abbiamo fatto un giro tra i vialetti riservati di Baia Azzurra e pur tendendo l’orecchio siamo riusciti a cogliere solo qualche bisbiglio proveniente dall’interno. Soprattutto nelle due ville dei Cosentino, che sicuramente per pura coincidenza sono attigue a quella sequestrata e confiscata da diversi anni ad Antonio Iovine, detto o Ninno, che oggi somiglia sempre di più, come si può vedere dalla foto ad un rudere abbandonato più che ad una comoda residenza vacanziera.

G.G.

 

 

 

Iovine Casa1

 

 

Donciglio casa

 

 

spiaggia1

PUBBLICATO IL: 22 agosto 2015

Archivi