Cimitero di Gaeta. Roba dell’altro mondo. A Gaeta nemmeno da morti si trova pace. Un loculo regolarmente acquistato risulta intestato ad altra persona. Venduto due volte?La stampa parla di “mercato nero” dei loculi. Che fanno Carabinieri e Procura della Repubblica di Latina?

Non bastava un modello di gestione confuso tra pubblico e privato, con una girandola di vendite di loculi funerari tra Confraternite religiose e ditta privata.
Il Cimitero comunale (ma è tale?) di Gaeta continua a stare nelle cronache.
Ora compaiono ossa buttate alla rinfusa.
Nemmeno da morti si trova pace a Gaeta.
E non parliamo, poi, del “mercato nero” dei loculi denunciato da alcuni cronisti.
Addirittura c’è il sospetto che un loculo sia stato venduto a più persone.
Lo stesso loculo.
E’ capitato, infatti, che un acquirente, che ha pagato regolarmente alla ditta venditrice, si è visto recapitare a casa una lettera del Comune di Gaeta nella quale gli si annuncia che il loculo da lui acquistato risulta intestato ad altra persona…
Che stanno a fare i Carabinieri e la Procura della Repubblica di Latina?

Archivi