Ci risiamo! Arrestati a Pomezia due consiglieri comunali

CI RISIAMO! ARRESTI A POMEZIA DI AMMINISTRATORI COMUNALI.
E LA “QUESTIONE MORALE ” CHE FINE HA FATTO?

Un consigliere comunale del PD, di provenienza DS, ed un secondo eletto con una lista civica e sostenitore ora dell’amministrazione di centrosinistra, sono arrestati a Pomezia. L’accusa è di tentata concussione aggravata.
Ci risiamo!
Già in passato di Pomezia le cronache hanno parlato per numerosi arresti di amministratori comunali. Pensavamo che non si sarebbero mai più ripetuti e, invece, ci troviamo punto e daccapo.
In Italia vige il principio della presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva. Quindi non ci sentiamo, allo stato, di esprimere un giudizio definitivo di condanna.
Però!!!
Le ricadute sul piano dell’immagine della politica sono disastrose e, di conseguenza, aumenta sempre più la sfiducia dei cittadini verso le istituzioni tutte.
Come è cambiata la politica dai tempi in cui Enrico Berlinguer sosteneva che… bastava un semplice avviso di garanzia per indurre un amministratore pubblico alle dimissioni dagli incarichi.
Oggi, al contrario, abbiamo amministratori sotto processo – o arrestati come in questo caso di Pomezia -che restano tranquillamente ai loro posti; altri che- come nel caso di Formia -menano vanto di avere rapporti con soggetti appartenenti a famiglie di camorra.
E i loro partiti continuano ad ospitarli!!!…
Che vergogna!…

Archivi