Chiudiamo il cerchio senza far passare altro tempo!

“NUN SACCIU… ”
CHIUDIAMO IL CERCHIO!
SENZA FAR PASSARE ALTRO TEMPO
Un’attività certosina che dura da anni, fatta a base di assunzione di notizie, visure camerali, aggiornamento quotidiano del datebase, individuazione di intrecci fra gli intestatari ed i membri di società, ci hanno portato a scoprire cose che solo investigatori professionisti e peraltro scelti e meticolosi sono in grado di scoprire.
Ed il lavoro non finisce mai in quanto ogni giorno c’è una novità.
Questo è il nostro modo di operare, di fare quella che molti, forse troppi, immeritatamente definiscono “antimafia”.
La soglia del nostro orgoglio aumenta nel ricordare a noi stessi ed agli altri che difficilmente, ad oggi, abbiamo trovato qualcuno che ci abbia fornito un minimo di informazioni.
Abbiamo dovuto sempre lavorare da soli in un ambiente grigio, indifferente, apatico, disinformato, insensibile, dove vige la regola del “non vedo, non sento, non parlo”.
Un ambiente afflitto da una subcultura mafiogena da paura, con un livello di omertà da far rabbrividire.
Il sud pontino ed il Basso Lazio sono davvero “provincia di Casale”, territorio dove nessuno sa niente o, peggio, vuole sapere niente.
Poi si lamentano!
Noi abbiamo fatto.
Ora tocca a chi istituzionalmente è preposto ad adottare i provvedimenti tirare le somme.
Concludere…
Non faccia passare troppo tempo, però!!!
Chiudiamo il cerchio!

Archivi