Che c’é in quella discarica nel frusinate? Rifiuti nocivi, come a Borgo Montello a Latina, interrati dalla camorra?

STRANI EVENTI BIOLOGICAMENTE NON BEN SPIEGABILI NELLA BASSA CIOCIARIA: LA GUARDIA DI FINANZA CONTINUI AD INVESTIGARE EVENTUALI TRACCE DI DISASTRI AMBIENTALI

AGNELLINO DEFORME NASCE E MUORE VICINO DISCARICA A FROSINONE
Frosinone, 22 mar. – E’ nato ed e’ vissuto lo spazio di dieci minuti, con gli occhi al posto della bocca ed una fessura non ancora ben identificata sotto la fronte. E’ rimasto senza parole il veterinario che ieri pomeriggio a Roccasecca nel Frusinate ha fatto nascere quello che avrebbe dovuto essere un agnello da mangiare per Pasqua. Una malformazione inspiegabile che, in realta’, non sarebbe la prima che si registra in via Scolpeto, a poche decine di metri dalla discarica di Cerreto.
Una vasta area che fino ad una decina di anni fa era utilizzata dagli agricoltori per coltivare tabacco, grano e un gran quantitativo di legumi che poi sarebbero stati rivenduti ai mercati del posto. Con la messa in funzione della maxi discarica l’ecosistema circostante e’ stato inesorabilmente compromesso tanto che i residenti hanno dovuto chiedere ad un esperto dell’Istituto superiore di sanita’ di illustrare loro il sistema della lotta alle zanzare (non insetti normali ma di una grandezza al di fuori della norma) e hanno chiesto allo stesso esperto di fare degli studi approfonditi sulla discarica. La carcassa dell’agnellino e’ ora nello studio del veterinario del paese, nonche’ vicesindaco di Roccasecca che, nella mattinata di oggi, segnalera’ il fatto all’Azienda sanitaria locale. L’area compresa tra Colfelice, Pontecorvo e Roccaserva, da oramai diverse settimane e’ attenzionata anche dalla Guardia di Finanza che, attraverso l’utilizzo di speciali elicotteri, sta effettuando un monitoraggio per portare alla luce eventuali rifiuti sotterrati e di estrema pericolosita’.

Archivi