Cemento, operazione anti-mafia. Nel mirino la Calcestruzzi Spa

Quattordici persone sono state arrestate nell’ambito di una vasta operazione denominata “Doppio colpo”, che ha interessato Sicilia, Lombardia, Lazio e Abruzzo. Sequestrate sette aziende siciliane operanti nel settore del movimento terra. Tra gli arrestati, alcuni boss accusati di associazione mafiosa e illecita concorrenza con violenza e minaccia, e dirigenti della Calcestruzzi Spa di Bergamo. Secondo l’accusa vendevano cemento depotenziato.

L’operazione è stata condotta da carabinieri e guardia di finanza dei comandi provinciali di Caltanissetta. Ai dirigenti della Calcestruzzi Spa di Bergamo sono stati contestati i reati di associazione per delinquere e frode in pubbliche forniture. Secondo l’accusa, con l’appoggio della mafia, cui cedeva parte dei maggiori profitti realizzati frodando i propri clienti – ai quali forniva calcestruzzo con minori quantitativi di cemento – l’azienda bergamasca, che da oltre due anni è sotto amministrazione giudiziaria, aveva assunto il monopolio nella fornitura di calcestruzzo in Sicilia.

I nomi degli arrestati
I provvedimenti restrittivi sono stati notificati in carcere al capomafia Giuseppe ‘Piddu’ Madonia, 64 anni, al boss Francesco La Rocca, 72 anni, e a Giuseppe Giovanni Laurino, 53 anni, ritenuto esponente di spicco del clan Cammarata di Riesi.

Agli arresti domiciliari sono finiti gli imprenditori Salvatore Rizza, 78 anni, Santo David e Gandolfo David, rispettivamente di 71 e 77 anni; il consulente esterno e l’amministratore del sistema informatico della Calcestruzzi Spa, Gianni Cavallini, 48 anni di Ravenna e Alvis Alessandro Trotta, 41 anni, di Milano.

Domiciliari anche per il responsabile del controllo gestione della stessa società, Carlo Angelo Bossi, 41 anni, di Induno (Milano), e due ex dipendenti, Mario De Luca, 47 anni, di Napoli, e Nunzio Anello, 42 anni, di Mazzarino (Caltanissetta), oltre al consulente esterno dell’Italcementi, Giancarlo Bianchi, 54 anni, di Brignano Gero D’Adda. In carcere sono finiti gli imprenditori Francesco Lo Cicero, 56 anni, di Campobello di Licata (Agrigento) e Vincenzo Arnone, 47 anni, di Serradifalco (Caltanissetta).

(Tratto da TGCom)

Archivi