C’e’ discontinuità fra prima e seconda repubblica?

C’E’ DISCONTINUITA ‘ FRA PRIMA E SECONDA REPUBBLICA?


Non ce la faccio più a sentire mezze verità: si parla di br e ‘ndrangheta con titoloni da prima pagina ma a chi smonta e ricostruisce l’informazione in un tempo più o meno lungo non può sfuggire che esiste un potere forte altrettanto pericoloso che si basa su enormi capitali finanziari derivanti dal commercio illegale di armi (proliferato grazie alle politiche guerrafondaie internazionali usa in primis) e che è ora reinvestito in speculazioni finanziarie e immobiliari di proporzioni “governative” (ipa, bnl, forse aerospaziale).
Andreotti nell’Assemblea del Senato della Repubblica del 5 Ottobre 2006 relativa alla vicenda Telecom e alle intercettazioni telefoniche non autorizzate diceva: “Non sono riuscito a capire perche´ molti enti di previdenza e altri enti – e poi alcuni nomi ritornano – hanno smobilitato le loro risorse immobiliari, consentendo ad un gruppo [gruppo coppola] di accentrare su di se´ un potere immobiliare che sta creando molti problemi”.
E Draghi della banca d’Italia che è un ex dirigente della Goldman Sachs, la multinazionale-piovra americana che decide persino il prezzo della moneta? e poi la Urmet di Torino, la società che vende gli appareccchi per le intercettazioni telefoniche e che ha “fregato” il ministro castelli con un lock-in da premio nobel dell’ “economia all’italiana”? (ha messo un codice nella lettura dei dati così che per leggerli hanno per forza bisogno del loro decoder). a mio avviso una faida esiste nel cuore della repubblica e la camorra, forse proprio i casalesi hanno un ruolo importantissimo (un nuovo patto? un ricatto? o più semlicemente accordi d’affari?). credo che le logiche non siano molto dissimili da quelle dei tempi di Licio Gelli, con la differenza che siamo nell’era del digitale con tutto quello che implica per la gestione delle informazioni, e in quello della globalizzazione che ha cambiato di parecchio la geopolitica mondiale, con tutto quello che implica per delocalizzazione dei distretti industriali e il traffico delle merci legali e illegali (con i nuovi stato-mafia tipo kossovo). c’è una continuità di fondo tra la prima e la seconda repubblica e le vecchie “fratellanze” hanno ancora un peso importante nel network delle mafie. (ma Rocco Spagnuolo ucciso a milano poco tempo fa è parente di Carmelo Spagnuolo nei primi anni settanta procuratore generale della corte di appello di Roma?)
Parafrasando una famosa epigrafe che si trova sulle lapidi e ragionando in Senato sulla ciclicità e provvisorietà della storia, l’On. Giulio Andreotti interpretava il 5 ottobre scorso le ultime vicende della politica italiana: “quello che voi siete noi eravamo, quello che voi sarete noi fummo”, sottolineando proprio una continuità di fondo tra la prima e la seconda Repubblica, con un inquietante passato remoto che viene traslato nel futuro. Ciao a tutti Roberta

Se la paura di guardare vi ha fatto chinare il mento
se il fuoco ha risparmiato le vostre 1100
anche se voi vi crediate assolti siete comunque coinvolti. (Fabrizio de André)

Archivi