Cassino, atti indimidatori contro il consigliere comunale dell’Idv, Igor Fonte. Il Basso Lazio sempre più nella morsa della camorra

Una corda da pascolo stretta al collo, con un doppio nodo scorsoio e un gatto salvato in extremis. Vittima del gravissimo atto intimidatorio è stato, anche se indirettamente il consigliere comunale e capogruppo dell’Idv al comune di Cassino, Igor Fonte

che da anni si occupa della diffusione della legalità nel Cassinate e più ha organizzato convegni antimafia e anti-camorra. Sull’episodio indaga la polizia.
Il povero felino, infatti, oramai agonizzante, è stato liberato dalla madre del presidente onorario dell’associazione “Impastato” che ha subito dato l’allarme. Il tutto è accaduto nel tardo pomeriggio dell’altro ieri in via Luca Lancia, nella frazione di Caira dove, Igor Fonte vive con i genitori. «Un atto di cattiveria gratuita diretto a me – spiega Igor Fonte – ma che suscita pena. Pena nei confronti di chi, nella vita, è capace di prendersela con gli esseri che non hanno la possibilità di difendersi. Facile accanirsi contro un animale che non può parlare e soprattutto denunciare. Io continuerò nelle mie battaglie e certo non saranno questi gesti, così vili, a farmi tacere».

Angela Nicoletti

(Tratto da Dimmidipiù)

Archivi