Caso Fondi. Masroni e il governo decidono di non decidere e dopo mesi e mesi di attesa rinviano ancora una volta la decisione

LA MAFIA CHE NON C’E’: IL “CASO FONDI”. INTANTO MARONI NON DECIDE… ED IL GOVERNO RINVIA ANCORA UNA VOLTA UNA DECISIONE ATTESA DA 5 MESI!

Così si combatte la mafia in Italia!!!

5 mesi, cinque lunghi mesi che stanno per diventare 6, dal giorno in cui il Prefetto di Latina, dopo altri lunghi mesi di indagini da parte di una Commissione di accesso, ha richiesto al Ministero dell’Interno lo scioglimento dell’Amministrazione Comunale di Fondi in provincia di Latina.

Un’indagine parallela condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, ancora in corso, ha già portato all’emissione di alcuni ordini di custodia cautelare.

E tutto tace a livello governativo!

Perfino la struttura amministrativa dello stesso Ministero dell’Interno, alla quale il Ministro Maroni si è rivolto per avere un parere sulla richiesta di scioglimento dell’Amministrazione fondana, esaminata la montagna di atti prodotti dalla Commissione di accesso nominata dal Prefetto, si è espressa per lo scioglimento.

Condividiamo quanto ha scritto al riguardo Giovanni Del Giaccio su “Il Messaggero”: “Un altro rinvio. Il Consiglio dei Ministri sceglie, ancora una volta, di non decidere sul caso Fondi”.

La scelta… della “non scelta” e tutto, a quanto sembra, per una questione politica tutta interna alla maggioranza di destra che governa quel Comune. Infatti, mentre da una parte ci sono parlamentari di destra che premono per dar seguito alla richiesta di scioglimento fatta dal Prefetto di Latina, ce ne sarebbero altri che si batterebbero per una… non decisione. In attesa, poi, non si sa di che cosa, dal momento che, prima o poi, arriveranno i provvedimenti della DDA.

Faide, insomma, tutte interne ad uno schieramento politico che stanno bloccando un provvedimento necessario a riportare un minimo di vivibilità ed agibilità civili e democratiche su un territorio martoriato da anni dalla presenza mafiosa.

Archivi