Caso Fondi: il Ministro dell’Interno avrebbe emesso un decreto, adottato ogni provvedimento utile a far cessare immediatamente il pregiudizio in atto e ricondurre alla normalità la vita amministrativa del Comune di Fondi

Lettera Aperta         ai cittadini di Fondi

Sembra che a  conclusione della pratica, il Ministro dell’interno avrebbe emesso un decreto, adottato ogni provvedimento utile a far cessare immediatamente il pregiudizio in atto e ricondurre alla normalità la vita amministrativa del Comune di Fondi.

A seguito della notifica di questo decreto, Il Commissario Straordinario al Comune di Fondi il dr. Guido Nardone avrebbe emesso provvedimenti disciplinari, si parlerebbe di sette persone tra dirigenti e dipendenti.

___________________

Il consiglio comunale di Fondi non è stato sciolto per infiltrazioni della criminalità organizzata,  nonostante due ripetute  richieste da parte del Ministro dell’Interno Maroni,  e con le dimissioni in extremis  si sono “salvati”, sembra però eludendo la legge, infatti l’ultimo comma dell’art. 143, creato prima dalla giurisprudenza e poi dalla nuova legge, prevede proprio una norma antielusiva della legge medesima, ossia, si fa luogo ugualmente allo scioglimento anche in caso di dimissioni.

La pratica quindi è ritornata dal C.D.M. al Ministro dell’Interno il quale ha disposto comunque l’avvio di un procedimento disciplinare nei confronti di dirigenti e altro personale coinvolti nelle malefatte amministrative scoperte dalla commissione d’accesso e finite nella relazione dell’ex Prefetto Bruno Frattasi, successivamente promosso e trasferito.

____________

Ecco cosa dice la Legge:

comma 5 dell’art. 143

anche nei casi in cui non sia disposto lo scioglimento, qualora la relazione prefettizia rilevi la sussistenza degli elementi di cui al comma 1 con riferimento al segretario comunale o provinciale, al direttore generale, ai dirigenti o ai dipendenti a qualunque titolo dell’ente locale, con decreto del Ministro dell’interno, su proposta del prefetto, è adottato ogni provvedimento utile a far cessare immediatamente il pregiudizio in atto e ricondurre alla normalità la vita amministrativa dell’ente, ivi inclusa la sospensione dall’impiego del dipendente, ovvero la sua destinazione ad altro ufficio o altra mansione con obbligo di avvio del procedimento disciplinare da parte dell’autorità competente.

comma 1 dell’art. 143

i comunali e provinciali sono sciolti quando, anche a seguito di accertamenti effettuati a norma dell’articolo 59, comma 7, emergono concreti, univoci e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori di cui all’articolo 77, comma 2, ovvero su forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un’alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali e provinciali, nonché il regolare funzionamento dei servizi ad esse affidati, ovvero che risultino tali da arrecare grave e perdurante pregiudizio per lo stato della sicurezza pubblica.

____________

Sembrerebbe quindi che il Commissario Straordinario al Comune di Fondi il dr. Guido Nardone avrebbe emesso provvedimenti disciplinari nei confronti di queste persone, precisamente si parla di sette persone tra dirigenti e dipendenti.

A marzo si dovrebbe votare:

  1. può il popolo sovrano di Fondi esprimere un voto libero e cosciente con il quale dovrebbe giudicare la classe politica  di Fondi se prima non si rendono pubblici gli atti relativi a questa pratica ?
  1. è corretto che si stanno presentando anche alcuni politici che avevano dato le dimissioni ?

infatti aveva detto il Ministro Maroni, che a Fondi c’era un problema, si sono volontariamente dimessi, il problema non c’è più, per cui la parola passa al popolo sovrano.

Per completta si ricorda, è vero che la sovranità spetta al popolo sovrano, ma la Costituzione Italiana, all’art. 1, precisa che il popolo la esercita comunque  nelle forme e nei limiti della Costituzione e della Legge.

Lettera dell’avv. Fusco: A Fondi, come previsto, pagano solamente dirigenti e funzionari del Comune. Viva l’Italia!

Fondi lì 14/01/2010

francesco fusco

Archivi