Carceri: Stato assente e mafia imperante mentre i più deboli continuano a morire

Carceri: Stato assente e mafia imperante mentre i più deboli continuano a morire

Sebastiano Ardita 25 Agosto 2022

Un tossicodipendente di 44 anni si è impiccato nella sua cella del carcere di Caltagirone, dov’era recluso per il furto di 180 euro, di un telefonino e di un portafogli sottratti al botteghino del teatro Massimo Bellini di Catania e subito restituiti ai legittimi proprietari.

Mentre si discute del ritorno in libertà dei mafiosi stragisti, questo è il destino della fascia bassa dei detenuti comuni, oramai alla mercé degli altri detenuti con la “autogestione degli spazi” nel sistema delle c.d “celle aperte”.

Tossicodipendenti e malati di mente – dopo la improvvida chiusura degli OPG – sono una fetta importante del mondo carcerario. Meno Stato è presente in carcere, più saranno sottomessi alle gerarchie criminali che rendono invivibile la loro detenzione. I deboli continueranno a morire e a suicidarsi e i mafiosi, che comandano, chiederanno ed otterranno in nome di quei morti la libertà anticipata.

Tratto da: facebook.com

ARTICOLI CORRELATI

Rivolte carceri 2020, Ardita: ”Fuori per sempre gli incompetenti dal governo del Dap”

Rivolte nelle carceri 2020, Comm. del Dap: ”Nessuna regia mafiosa o anarchica”

Sebastiano Ardita: mafie ‘Al di sopra della legge’ nelle carceri senza Stato
Di Giorgio Bongiovanni e Luca Grossi

Roberto Scarpinato: ”Sulle scarcerazioni errori del Dap e dei giudici”

Per Renoldi le visite ai 41 bis sono legittime, ma il messaggio resta grave

fonte:https://www.antimafiaduemila.com/home/mafie-news/254-focus/91250-carceri-stato-assente-e-mafia-imperante-mentre-i-piu-deboli-continuano-a-morire.html

Archivi