Capo dello Stato, CSM e Ministero della Giustizia si diano una mossa e cambino i vertici delle Procure di Latina e Frosinone!

E’ IL CANE CHE SI MORDE LA CODA. SE LE PROCURE ORDINARIE NON SONO ATTIVE SUL PIANO DELLA LOTTA ALLE MAFIE, ANCHE L’AZIONE DELLE FORZE DELL’ORDINE E’ INADEGUATA.

Ci sono Procure e Procure. Dipende tutto dalla sensibilità dei relativi capi. E dalle loro esperienze.

Stiamo parlando di azione di contrasto e di lotta alle mafie.

Stanno facendo un lavoro eccellente, pur con tutti i limiti derivanti dalla carenza di uomini, mezzi e quant’altro, quelle di Tivoli-Guidonia-dove c’è il Procuratore De Ficchy-, di Civitavecchia –dove c’è il Dr. Amendola – e di Velletri-dove da poco c’è il Procuratore Piro.

Anche quella di Cassino si sta attivando, dopo i cambiamenti ai vertici.

Di quelle di Latina e di Frosinone non possiamo dire la stessa cosa, malgrado la situazione gravissima in cui si trovano le due province ormai invase dalle mafie.

Allora Capo dello Stato, CSM e Ministero della Giustizia si diano una mossa per cambiare i vertici.

Archivi