Camorra scatenata a Napoli, pregiudicato ammazzato nel circoletto a Miano: era stato scarcerato da poco

Camorra scatenata a Napoli, pregiudicato ammazzato nel circoletto a Miano: era stato scarcerato da poco

Di Alfonso D’Arco

12 Novembre 2021

Ennesimo omicidio a Napoli. Questa notte un uomo è stato ucciso in un circolo ricreativo di via Janfolla nei pressi del civico 444. A cadere sotto i colpi dei sicari Giuseppe Tipaldi, conosciuto come Peppe a recchia, figlio del ras Gaetano alleato dei Cifrone della parte alta di Miano. Secondo la prima ricostruzione Tipaldi sarebbe stato ucciso poco dopo le due nel circoletto in cui si trovava in compagnia di altre persone al momento resisi irreperibili. Per il 38enne, reale obiettivo dei killer, non c’è stato scampo. Si riaccende dunque la guerra a Miano.

Nipote del boss ucciso a Fuorigrotta, il filo rosso che lega Merolla agli omicidi Mercurio e Volpe

Tre omicidi nel giro di due anni. A Fuorigrotta dopo l’omicidio di ieri sera di Andrea Merolla, nipote del boss Vitale Troncone, la tregua è bella che finita. Si tratta, e di questo gli inquirenti ne sono sicuri, di un attacco diretto ai Troncone nonchè una possibile ‘risposta’ ad un altro omicidio eccellente, quello di Antonio Volpe (leggi qui l’articolo) ucciso nel marzo scorso. Oltre a questo basti considerare un altro episodio che potrebbe svelare il ‘legame’ tra i due delitti e cioè il fatto che la pistola utilizzata dai killer per uccidere Volpe in via Leopardi fu rinvenuta qualche giorno dopo dagli uomini del commissariato San Paolo in via Brigata Bologna (leggi qui l’articolo), strada che ricade nel’area dove è forte la presenza proprio dei Troncone. Gli agenti in quella occasione sequestrarono una pistola Walther P38 calibro 9 con matricola abrasa e priva di caricatore. Potrebbe dunque esservi un legame tra i due episodi: ieri i killer hanno agito con la chiara intenzione di colpire proprio Merolla, nipote di Vitale Troncone, che ha cercato inutilmente di salvarsi dalla pioggia di piombo dei killer dietro un distributore di carburante. Lì è stato finito prima di essere stato trasportato all’ospedale San Paolo dove è morto poco dopo.

fonterhttps://internapoli.it/giuseppe-tipaldi-omicidio/

 

Archivi