Camorra, promossi i pm delle inchieste.Grazie,Dr .Milita e grazie Dr.Cannavale per quello che avete fatto ed ora ancor più siete chiamati a fare.

Il Mattino, Venerdì 23 Dicembre 2016

Napoli. Camorra, promossi i pm delle inchieste 

di Viviana Lanza

Per anni hanno dato la caccia a pericolosi camorristi, indagando sulle faide e sui loschi affari dei clan. E oggi i magistrati Luigi Alberto Cannavale e Alessandro Milita lasciano la Procura di Napoli per assumere l’incarico di procuratore aggiunto alle Procure di Salerno e Santa Maria Capua Vetere. Lo ha deciso il Csm, promuovendo i due magistrati che in questi anni si sono distinti per le proprie capacità investigative.

Cannavale, dunque, andrà a coordinare un pool di pm a Salerno dopo aver a lungo indagato sui clan della camorra cittadina: da pm dell’Antimafia ha coordinato inchieste che sono valse a decimare clan di vari quartieri di Napoli fino ad occuparsi, una decina di anni fa, della camorra di Secondigliano e Scampia, dei clan delle faide e del narcotraffico, delle metamorfosi delle più potenti organizzazioni criminali dell’area a nord di Napoli: il clan Di Lauro del boss Ciruzzo o milionario, il gruppo degli scissionisti degli Amato-Pagano e il più recente clan della Vanella Grassi. Non solo droga e faide: le inchieste del pm Cannavale hanno mirato, tra le altre, ad alzare il velo sulle estorsioni alla metropolitana di Napoli.

Porterà la sua esperienza a Santa Maria Capua Vetere come nuovo procuratore aggiunto Alessandro Milita che da pm della Dda ha indagato molto, negli anni scorsi, sulla camorra casertana coordinando inchieste che sono valse a dare una forte spallata al potente clan dei casalesi e arrestare pericolosi latitanti. Non solo. Portano anche la sua firma indagini come quelle che hanno scavato tra le trame oscure delle collusioni tra politica, imprenditoria e camorra (una è quella che di recente ha portato alla condanna per l’ex sottosegretario del centrodestra Nicola Cosentino) e indagini in materia ambientale, orientate soprattutto a fermare lo scempio e l’avvelenamento della Terra dei Fuochi.

Archivi