Camorra, parlano i pentiti: «Il carcere costruito con il cemento dei Casalesi».IN “PROVINCIA DI CASAL DI PRINCIPE “ ANCHE L’ARIA CHE SI RESPIRA……………………..APPARTIENE A LOR SIGNORI………..E LE DIMENSIONI DI QUELLA “PROVINCIA” TRAVALICANO I CONFINI DELLA CAMPANIA !!!!

Il Mattino, Martedì 30 Maggio 2017

Camorra, parlano i pentiti: «Il carcere costruito con il cemento dei Casalesi»

di Mary Liguori

Hanno ciascuno il nome di un fiume i padiglioni del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Danubio, Tamigi, Senna, Tevere, Volturno che, vista la collocazione geografica, non poteva di certo mancare, e il Nilo, l’ultimo nato, nel 2013, quando il penitenziario casertano fu ampliato con posti per ulteriori 200 detenuti. Aprì i cancelli nel 1996, il «Francesco Uccella», dopo una travagliata fase di bandi, cantieri, lavori che durarono più del dovuto. Gestione e «parto» all’italiana, insomma. Fu la valvola di sfogo per Poggioreale, sovraffollato, teatro di una sanguinaria rivolta durante il terremoto dell’80, terreno di semina per Raffaele Cutolo che dal penitenziario napoletano gettò le basi per mettere insieme il più numeroso esercito di camorra di sempre. L’«Uccella» dunque, che però ben presto mostrò problematiche non dissimili a quelle della casa circondariale partenopea. Primo tra tutti il sovraffollamento, tanto che il primo detenuto si impiccò poche settimane dopo il taglio del nastro.

A quanto pare, l’«Uccella» fu messo in piedi con il cemento dei Casalesi. Quello del consorzio «Cedic», la creatura di Antonio Bardellino alla quale chiunque trattasse in cemento doveva aderire. Paradosso che emerge dalle dichiarazioni di uno dei primi pentiti che si sono staccati dalle fila del clan. Il defunto Carmine Schiavone ricostruisce, già in un verbale del 1993, l’imposizione del calcestruzzo in quegli anni. «Mille lire a metro cubo i soci dovevano darli al clan. Il prezzo lo decidevamo noi per Caserta; altrove l’ultima parola spettava a Carmine Alfieri con un sistema pressoché uguale». Erano i tempi in cui ci si affiliava alla camorra a mezzo «pungitura». Trent’anni fa. E fu come se, inconsciamente, i camorristi avessero deciso di pensare al proprio futuro, edificando la casa in cui trascorrere gli anni a venire. La casa circondariale. Il carcere di Santa Maria Capua Vetere «è stato costruito con il calcestruzzo del consorzio dei Casalesi». E chi cercava di metterci le mani moriva. Il pentito Schiavone insieme ad altri getta luce su un lungo periodo di ombre. 

 

Archivi