Camorra, minacce a Saviano e Capacchione: chieste tre condanne

Il Mattino

Camorra, minacce a Saviano e Capacchione: chieste tre condanne

Giovedì 11 Febbraio 2021

Chieste tre condanne per le minacce allo scrittore Roberto Saviano e alla giornalista Rosaria Capacchione fatte in aula durante il processo di appello Spartacus a Napoli ai boss dei Casalesi nel 2008.

Il pm Alberto Galanti di Roma ha sollecitato condanne ad 1 anno e mezzo di carcere per il capoclan Francesco Bidognetti e per gli avvocati Michele Santonastasio e Carmine D’Aniello. L’accusa nei loro confronti è minacce aggravate dal metodo mafioso.

Nel corso della requisitoria il pm ha affermato che «Capacchione è stata una spina nel fianco del clan e Saviano con il suo libro ‘Gomorrà ha acceso i fari sulla provincia di Caserta: questo per una consorteria mafiosa è un colpo al cuore. Entrambi erano da considerare nemici giurati del clan dei Casalesi».

Nel procedimento si sono costituite parte civile la Federazione Nazionale della Stampa, rappresentata dall’avvocato Giulio Vasaturo, e l’Ordine dei giornalisti della Campania. Per questa vicenda 2017 era stata dichiarata nulla la sentenza di primo grado dalla Corte di Appello di Napoli per incompetenza territoriale e il procedimento è stato trasferito a Roma.

Archivi