CAMORRA E RIFIUTI. “Dammi 3 mila euro altrimenti ti blocco la raccolta dei rifiuti”, così Tommaso “Masino” Del Gaudio dettava legge con Alberto Di Nardi

CAMORRA E RIFIUTI. “Dammi 3 mila euro altrimenti ti blocco la raccolta dei rifiuti”, così Tommaso “Masino” Del Gaudio dettava legge con Alberto Di Nardi
CAMORRA E RIFIUTI. “Dammi 3 mila euro altrimenti ti blocco la raccolta dei rifiuti”, così Tommaso “Masino” Del Gaudio dettava legge con Alberto Di Nardi

Sono le dichiarazioni dello stesso imprenditore di Vitulazio a descrivere il comportamento di Masino

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Resta in carcere Tommaso “Masino” Del Gaudio ma per lui cade l’accusa dell’aggravante mafiosa. Alla base delle 26 pagine dell’ordinanza che lo ha portato all’arresto e nel quale è rimasto coinvolto anche il consigliere comunale del pd di Marcianise Raffaele Guerriero, ci sono le dichiarazioni di Alberto di Nardi, l’imprenditore di Vitulazio, ex patron della Dhi, secondo il quale “Masino” gli avrebbe detto: “Mi devi dare 3mila euro, segnali in busta paga come acconto altrimenti ti blocco la raccolta dei rifiuti e non faccio uscire i camion”.

Inoltre in occasione delle ferie, sempre Del Gaudio gli avrebbe riferito: “Tu ti fai un sacco di problemi. Non pagare nessuno, fai un bonifico a me da 8-9 mila euro poi ci penso io a farli lavorare e non sono più fatti tuoi.

PUBBLICATO IL: 3 luglio 2016 ALLE ORE 13:50

fonte:www.casertace.net

Archivi