“Bravi,complimenti,ma ………………”armiamoci e partite “

“BRAVI,BRAVI,COMPLIMENTI!”,MA,POI,….

…….” ARMIAMOCI E  PARTITE ” !!!!!!!!!!

 

La partecipazione,amici,la partecipazione.

Siamo soli,in pochi,con il livello delle scontro che si alza sempre di piu’.

Tutti bravi,DIETRO LE TASTIERE,a predicare,commentare,esprimere giudizi ,talvolta strampalati,ma la guerra chi la fa?

Oggi la mafia é il Potere e la si trova dovunque.

In ogni ambiente.

Noi non abbiamo a che fare con i bruscolini,ma con un nemico potente che si annida dovunque.

Magari anche fra di noi perché non una sola  volta ci siamo dovuti difendere da trame e tranelli di persone che avevano aderito alla nostra Associazione ma che tramavano per portarci nel baratro ed ucciderci.

Nessuno ha diritto a lamentarsi più se non si decide a venire,con noi,a combattere sul campo.

SUL CAMPO e non con la retorica,la sociologia,la filosofia e la storia.

Materie che,se voglio,ripasso a casa mia con le centinaia di libri che ho,ma non in piazza o per istrada.

Ricordate sempre che é in gioco l’avvenire dei nostri figli e dei nipoti i quali avranno tutto il diritto,un giorno ,di maledirci se avremo lasciato ad essi un domani d’inferno.

Anzichè stare attaccati alle tastiere,cominciate a guardarvi attorno ,indagare ,segnalare:

un supermercato che si insedia?

Chi é il proprietario o chi sono i proprietari?

Un piano regolatore?

Quali sono le persone che ne traggono vantaggio e  chi si vuole  favorire ?

Viva Falcone,viva Borsellino,viva Dalla Chiesa,

viva tizio e viva Caio va bene ,ma se non si aiutano forze dell’ordine e, soprattutto, i magistrati inquirenti a scovare e perseguire i mafiosi,se non li si stimola e si fornisce ad essi le piste,non si va da nessuna parte.

“Fateci sentire il fiato sul collo e ci muoviamo”,disse Falcone.

Non dimenticatelo mai e prima di dire “viva Falcone,viva Borsellino,viva questo e viva quello”,non dimentichiamo  mai quello che essi dicevano e chiedevano alle persone oneste e responsabili.

Cosa diceva Borsellino ? E’ un errore imperdonabile il pensare che tutto il peso della lotta alle mafie debba essere accollato sulle sole spalle di magistrati e forze dell’ordine.

La gente,la gente onesta e piena di senso civico e dello Stato,DEVE AIUTARLI  perché da soli non potranno mai farcela.

Ma aiutarli concretamente,nomi e cognomi, e non con le chiacchiere  con i trattati di sociologia!!!!!!

Archivi