BRACCIANO. AGGIORNAMENTI SU RAINEWS 24 DEI CANTIERI SEQUESTRATI SUL LAGO DI BRACCIANO

BRACCIANO – L’abusivismo edilizio sul lago di Bracciano: cantieri illegali sequestrati dalla magistratura, che ha rinviato a giudizio  sindaco, vice sindaco, assessore e dirigenti del Comune. Indaga Manuela Lasagna, autrice del servizio su RAI NEWS

in onda alle ore 01.30 e in replica: mercoledì 29 dicembre ore 20.00 giovedì 30 dicembre alle ore 12.00 Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno aderito alla campagna contro l’abusivismo edilizio, soprattutto coloro che hanno aggiunto la propria firma all’esposto promosso da associazioni e comitati quali:
Salviamo Bracciano, Associazione Borgo Medioevale, Comitato Cittadini del Centro Storico.   Questa è la situazione ad oggi:
1) Cantiere di Prato Giardino (accanto al cimitero): due dei tre palazzi sono ancora sotto sequestro da parte della magistratura. 2) Cantiere di via del Lago, angolo via della Ferriera: sequestrato dalla magistratura. 3) Cantiere di via del Lago 12 (sotto al belvedere della chiesa del Riposo): i lavori sono stati bloccati dal Comune.   Non si può ancora cantare vittoria ma è un importante passo avanti verso la tutela della legalità  del nostro territorio.

In seguito a un esposto rivolto ad alcuni abitanti  di via del Lago 12 (ma solo a quelli che hanno denunciato il cantiere), l’ufficio tecnico del Comune (Di Matteo) sta contestando il mancato allaccio in fogna da parte di case costruite  40 anni fa. La richiesta arriva contemporaneamente al parere positivo espresso  soltanto  il mese scorso dall’ACEA/COBIS.
Pertanto attenzione a chi non è completamente in regola (centinaia di case, migliaia di abitanti).
Ricordiamo che  per  i rappresentanti delle istituzioni  c’è una richiesta di rinvio  a giudizio per la lottizzazione 76/05 .  Il 23 febbraio si celebra l’udienza preliminare che vede in veste di imputati  il sindaco Giuliano Sala, il vicesindaco Cavini, l’assessore all’urbanistica Capparella, il segretario generale Roberto Signore, il responsabile dell’edilizia Walter Mariani, lo stesso capo area tecnica Luigi Di Matteo, il responsabile dell’ufficio servizi interni Roberto Razzino e il capo dello sportello unico per l’edilizia Vanessa Signore. A seconda della diversa posizione i reati sono: abuso d’ufficio, tentata concussione e falso ideologico. Il paradosso è che il Comune è parte offesa.
COME FARA’ IL COMUNE A COSTITUIRSI PARTE CIVILE? CHI DIFENDE I CITTADINI IN QUESTO CASO?   Firmato: Ass. Salviamo Bracciano   Presidente   Fiorenza Rossetto via del Lago, 12 – 00062 Bracciano (Roma)

(Tratto da NewTuscia)

Archivi