Bomba alla pizzeria Sorbillo, il nuovo video che mostra la pianificazione e l’azione militare degli attentatori. L’ironia vergognosa di certi imprenditori.ANZICHE’ SOLIDARIZZARE CON CHI E’ RIMASTO VITTIMA DELLA VIOLENZA DELLA CAMORRA,C’E’ CHI IRONIZZA.SI VERGOGNI !!!!

Bomba alla pizzeria Sorbillo, il nuovo video che mostra la pianificazione e l’azione militare degli attentatori. L’ironia vergognosa di certi imprenditori

Di Fulvio Miele 

Quello che avete visto è un nuovo video dell’ordigno rudimentale fatto esplodere dentro la pizzeria di Gino Sorbillo in via dei Tribunali. L’ha pubblicato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. Per il modo in cui viene portato a compimento l’atto intimidatorio e violento e per i danni causati all’attività commerciale occorre essere molto preoccupati. Si vede dalle immagini l’attività preparatoria, segno che la notte dell’esplosione tutto era stato pianificato nei dettagli. Per fare che cosa? Per ottenere che cosa? C’è una inchiesta della polizia di Stato che farà chiarezza. Gli investigatori sono bravi. Hanno già le idee molto chiare. Cercano già alcuni ragazzi della zona che sono spariti dalla circolazione

Proprio nel giorno in cui emergono nuovi particolari inquietanti della bomba a Sorbillo alcuni imprenditori e commercianti si lasciano andare a commenti di cattivo gusto e a tratti quasi giustificano la camorra affermando che non esiste” denuncia il consigliere  Borrelli. “Abbiamo assistito in questi giorni alla passarella di Salvini ad Afragola, ai baciamano, ma la camorra continua a seminare terrore, atteggiandosi a padrona del territorio” perché, prosegue Borrelli, che poi attacca duro “quei commercianti e imprenditori che stanno facendo ironia sul racket e sulle bombe arrivando anche a sostenere che la camorra non esiste più e che addirittura siano le stesse vittime a mettere le bombe fuori ai locali per farsi pubblicità. Queste teorie sono le stesse che alcuni collaboratori di giustizia – i cosiddetti pentiti – stanno facendo emergere pubblicamente cercando di creare un clima di dissenso verso chi denuncia e subisce azioni criminali. Un modo a nostro avviso pericoloso per creare il vuoto verso chi si ribella verso la criminalità”.

Il titolare di Edenlandia, Gianluca Vorzillo, per attaccare Gino Sorbillo facendo ironia sul racket e sulle bombe fuori ai locali commerciali. In un post su Facebook ha scritto “Dite a Sorbillo che verso le 5,30 di stanotte era un tuono. Sennò pensa che è scoppiata la terza guerra mondiale visto il boato”, taggando un altro esponente del tessuto imprenditoriale napoletano che, sul suo profilo, si è lasciato andare ad offese volgari nei confronti del noto pizzaiolo. In alcuni post è arrivato addirittura a sostenere che la camorra non esiste. L’attacco di Vorzillo è stato duramente stigmatizzato da Mimmo Filosa, presidente dell’Unipan l’associazione dei panificatori della Campania. “Trovo fuori luogo l’ironia sulle disgrazie altrui – afferma Filosa – sopratutto se legate ad atti criminali. Dispiace che queste parole arrivino da un imprenditore che, invece di esprimere solidarietà a chi ha subito un attacco, approfitta di un evento tanto spiacevole per esprimere livore e di fatto cercare di emarginare chi intimidito e minacciato. L’attacco a Sorbillo si commenta da solo. Per quanto ci riguarda la nostra vicinanza nei confronti di chi subisce attacchi dalla criminalità è assoluta chi invece sostiene cerca di sminuire le azioni violente e delinquenziali dovrebbe solo vergognarsi”.

 

24 gennaio 2019

fonte:https://www.juorno.it

 

Archivi