Berlusconi: “Farò vergognare pm se non passa legittimo impedimento”. Vergognati tu e fatti processare come tutti i cittadini!!!

Il premier, ospite a Matrix, ha parlato anche di candidate veline, della sua vita privata e della giustizia italiana

Roma, 22 dic. (Apcom) – Se la Corte Costituzionale dovesse bocciare il legittimo impedimento “io continuerò a governare, ma questa volta mi difenderò, scenderò direttamente in campo, racconterò agli italiani la vicenda, chi sono i giudici che se ne occupano: andrò nell’aula del Tribunale, sui giornali, in tv, farò vergognare i miei accusatori”. Così Silvio Berlusconi ha parlato ospite di Matrix. Sul tema, il premier ha poi aggiunto: “Non temo assolutamente la giustizia, visto che non ho commesso nulla”.

Berlusconi, intervistato da Alessio Vinci nel programma di approfondimento di Canale 5, ha anche parlato dei giudici che lo giudicheranno: “La giustizia italiana è una patologia grave. Oggi in Italia la crisi della democrazia è dovuta al fatto che la sovranità non appartiene più al popolo, ma ai giudici che se non gradiscono una legge se la fanno abrogare dalla Consulta che ha 11 giudici su 15 di sinistra”. Per il premier le intercettazioni rappresentano poi “una patologia”.

A Matrix Berlusconi ha parlato anche delle candidate di bell’aspetto che popolano le file del Pdl. Il premier ha negato che alcune di loro fossero entrate in lista dopo aver partecipato a una festa: “Questa è veramente un’infamia. Come Pdl abbiamo candidato ragazze con più di 25 anni, tutte con un’università alle spalle, tutte con 110 e lode, che sono risultate le più brave sia in Europa che nel Parlamento italiano: si preparano, studiano, sono sempre presenti”.

Berlusconi ha infine difeso il suo stile di vita: “Della mia vita privata sono orgoglioso, lavoro una base di 18 ore al giorno. Se una volta al mese, metto insieme gli amici che vogliono passare una sera con me, è la cosa più normale del mondo”.

(Tratto da Virgilio Notizie)

Archivi