Berlusconi e le donne sulla copertina di Newsweek, “l’harem mina l’economia”

Il settimanale americano dedica quattro pagine all’Italia, dagli scandali fino al crollo di Pompei

“Berlusconi’s girl problem“: il problema con le ragazze di Berlusconi. Il titolo campeggia sulla copertina del settimanale americano Newsweek (numero del 22 novembre), su un paio di gambe femminili con i tacchi a spillo. “La sua cultura dell’harem sta minando l’economia italiana e il suo stesso governo” scrive l’occhiello. All’interno, una foto di Berlusconi appare sull’indice a pagina cinque, che di articoli ne segnala due. Il primo di Barbie Nadeau titola “Il problema con le donne dell’Italia; per Berlusconi, l’eguaglianza di genere è una barzelletta”. Il secondo di Jacopo Barigazzi titola “Silvio si fa buttar giù l’ultimo scandalo sessuale è solo uno dei problemi di Berlusconi”.

Il settimanale dedica quattro pagine alle vicende italiane. Il secondo articolo ripercorre le ultime vicende italiane, partendo però dal crollo di Pompei: “il ministro in carica dei siti archeologici, quando gli hanno chiesto se si sarebbe dimesso, ha risposto che non era responsabile. E’ così che funziona il governo in Italia. Nessuna responsabilità. Nessuna vergogna. Nessuna attenzione a un paese che si sbriciola”, e aggiunge “Per quasi vent’anni l’Italia praticamente non è cresciuta e nessuno accetta la colpa”.

Il primo articolo invece è dedicato alla cultura delle donne in Italia, con una paginata fotografica di donne seminude in tv e la descrizione scoraggiante del “prime time” di Striscia la Notizia. “Un’espressione del marciume che ora è evidente proprio ai vertici del governo – scrive il settimanale – un riflesso del problema più profondo della società rispetto al ruolo in via di evoluzione delle donne”.

Il resto dell’articolo analizza proprio la situazione della donna nella società italiana: “I titoli dei giornali raccontano senza sosta di modelle adolescenti, escort pagate, danzatrici del ventre marocchine con il premier 74enne Silvio Berlusconi, mentre i media dicono a chiare lettere che gli uomini sono uomini, e le donne sono manichini“. Berlusconi, prosegue Newsweek, ha creato “un modo in cui le donne sono viste prima di tutto come oggetti sessuali piuttosto che pari grado professionali”.

Il lungo articolo analizza anche i dati sul mondo femminile (a partire per esempio dal tempo dedicato ai lavori domestici, 21 ore la settimana, “più di qualunque altro paese europeo salvo polacche e slovene”), parlando delle difficoltà delle donne madri. E chiude: “E’ chiaro che la caduta di Berlusconi, se avverrà, indebolirà il velenoso collegamento fra la politica, i media e la discriminazione di genere. Ma perché ci siano reali progressi bisognerà riprogrammare il modo di pensare degli italiani di entrambi i sessi. E non basterà cambiare canale”.

(Tratto da Virgilio Notizie)

Archivi