Basta con l’antimafia delle chiacchiere, avanti con quella della denuncia. A dirlo, oltre a noi, è anche Roberto Scarpinato.

BASTA CON L’ANTIMAFIA RETORICA

BASTA CELEBRAZIONI E COMMEMORAZIONI

AVANTI CON L’ANTIMAFIA DELL’OGGI E DELLA DENUNCIA.

LO DICIAMO NOI DA ANNI E LO DICE ANCHE SCARPINATO, PROCURATORE GENERALE DI CALTANISETTA E MAGISTRATO IMPEGNATO OGNI GIORNO CONTRO LE MAFIE

Non ci stancheremo mai di sostenerlo:

BASTA CON L’ANTIMAFIA DELLA RETORICA, DELLE CHIACCHIERE, DEL RICORDO, DELLA MEMORIA, DELLE COMMEMORAZIONI.

AVANTI CON L’ANTIMAFIA DELLA DENUNCIA, DELLA COLLABORAZIONE CON LE FORZE DELL’ORDINE E CON LA MAGISTRATURA.

Dal “Venerdì “ di REPUBBLICA”:

Roberto Scarpinato, Procuratore Generale di Caltanisetta, afferma in un testo in uscita il 18 maggio per Chiarelettere su Falcone e Borsellino. “ Più trascorrono gli anni più cresce il disagio nel partecipare alle pubbliche cerimonie commemorative”.

E parla di un’”amnistia della memoria” dei fatti scottanti: mancata perquisizione del covo di Riina, trattativa Stato-mafia.

E dubbi sulla presenza di ex ministri della DC solleva, in sede privata, anche la famiglia Mattarella”

Archivi