Bando alla violenza. La nostra solidarietà alle centinaia di migliaia di giovani che hanno manifestato a Roma pacificamente ed alle forze dell’ordine

Bande di veri e propri delinquenti hanno rovinato una manifestazione pacifica di centinaia di migliaia di giovani che protestavano a Roma per rivendicare un futuro di certezze.

Una Capitale messa a ferro e fuoco da poche centinaia di persone che hanno approfittato dell’evento per devastare una città bruciando macchine private, negozi, abitazioni, mezzi delle forze dell’ordine, non risparmiando nella loro furia distruttiva anche luoghi sacri.

Un comportamento spregevole e criminale che dà forza proprio a quella parte di classi dirigenti che sono responsabili di quello stato di disagio e di degrado che si dice di voler combattere.

Altro che “ insurrezionalisti” ed “ anarchici”.

Qua ci troviamo di fronte ad un disegno eversivo che punta a destabilizzare il Paese, a creare un clima generale di paura e di sfiducia, a minare le basi della nostra democrazia conquistata con il sangue dei nostri nonni e genitori.

Ci sarebbe da accertare quali fini perseguono questi incappucciati, militarmente organizzati, e da chi vengono finanziati e diretti, domandandosi chi sono i fruitori reali di questa ondata criminale.

Come pure bisognerebbe verificare il motivo per il quale essi, pur conosciuti e schedati, non siano stati bloccati prima che si scatenasse la loro furia devastatrice.

Ma questo è tutto un altro discorso che va comunque fatto nelle prossime settimane, prima che sia troppo tardi ed avvenga la saldatura, se già non c’è, di questi con le altre fazioni criminali del Paese, non esclusa quella organizzata.

Oltre alle forti preoccupazioni per tale stato di cose, noi esprimiamo con forza la più ferma condanna per questi atti criminali che minano le fondamenta stesse di un paese civile e democratico, insieme alla viva solidarietà alle decine di migliaia di giovani che hanno manifestato pacificamente ed alle forze dell’ordine che hanno pagato un duro tributo per tentare di fermare i criminali.

Archivi