Avanti,diamoci una mossa ! Il Ministro Alfano ed il Capo della Polizia Panza si muovano.Nel sud pontino la situazione é tragica e non c’é un apparato investigativo adeguato!!!!

LA SITUAZIONE CRIMINALE NEL SUD PONTINO SEMPRE PIU’ DRAMMATICA ED AL VIMINALE CONTINUANO A FAR FINTA DI NIENTE !

Se continuerà così,apriremo un fuoco di fila infernale.
Non costringeteci a farlo!
Abbiamo pregato,supplicato ,invitato,proposto ,ma finora nessuno si è mosso.

Al Viminale fanno orecchie da mercante.
In quel palazzo sono sordi.
Irresponsabili.
Abbiamo di recente terminato un lavoro di aggiornamento sulle presenze e sulle attività mafiose nel sud pontino e gli elementi che ne abbiamo ricavato sono da brividi.
Ragioni ovvie di riservatezza non ci consentono di scendere nei dettagli ma,credeteci,c’è in atto un fervore di attività davvero inquietante da parte di soggetti sospetti sui quali bisognerebbe accendere non uno ma mille riflettori.
Ma chi lo fa ?
Sentiamo di dover ringraziare alcuni parlamentari del M5S che si sono dichiarati subito disponibili ad affiancarci nella lotta che da anni stiamo conducendo per ottenere un impianto investigativo più adeguato a Formia,come a Gaeta,ma anche alle loro interrogazioni nemmeno rispondono.
Non possiamo più tollerare il fatto che si stia coscientemente regalando un’intera provincia alle mafie per l’insipienza e l’incapacità di chi ha la responsabilità della cosa pubblica e ci vediamo costretti fra poco a ricorrere a metodi di lotta più convincenti.
Ci appelleremo al Capo dello Stato per illustrargli la situazione ed i comportamenti di questa gente e subito dopo cominceremo con un’azione martellante di manifesti e di manifestazioni davanti ai Palazzi della Capitale.
E nessuno pensi a contrastarci con le maniere forti perché non abbiamo paura di nessuno!!!!……….
Noi combattiamo per la Giustizia e per la legalità ed a difesa degli interessi della gente perbene,non dei ladri,dei corrotti e dei mafiosi.
La smetteremo quando a Formia e Gaeta verrà messo in piedi un apparato investigativo decente.

Archivi