Avanti con taluni politici e professionisti. Se non si affronta la mafia su questo versante, sarà tutto tempo perso

UNA NOTA PER GLI INVESTIGATORI

Secondo voci da noi raccolte – voci, però, sulla cui attendibilità non possiamo esprimere alcun giudizio -, anche a Borgo S. Antonio di Fondi sarebbero state realizzate opere edilizie riconducibili a soggetti coinvolti

nell’inchiesta “Arcobaleno”.

Preghiamo gli investigatori di verificarne l’attendibilità.


ED ORA AVANTI CON… I TECNICI, I PROFESSIONISTI ED I POLITICI!

Se non si attacca la mafia sull’area contigua ad essa, non la si sconfiggerà mai.

I “colletti bianchi”.

E’ in alcuni studi notarili, tecnici, agenzie immobiliari che avvengono cose orrende.

E’ là che bisogna andare a scovare!

Oltreché negli Uffici dei Comuni, della Provincia, della Regione.

Qualche anno fa fummo costretti ad intervenire pesantemente sulla Regione Lazio in relazione ad una variante urbanistica in alcuni comuni del Lazio approvata dai consigli comunali e passata a via C. Colombo per l’ok definitivo.

Si trattava di varianti urbanistiche approvate per consentire a gruppi “ sospetti” di impiantarci grosse attività economiche.

Faticammo le classiche sette camicie per sconfiggere il proposito quasi unanime di approvarle.

La domanda che ognuno si dovrebbe porre è la seguente:

CHI ha rilasciato a queste persone “perbene” (si fa per dire!) la concessione, l’autorizzazione e quant’altro???

CHI le ha favorito nella stipula degli atti???

CHI, CHI, CHI ecc. ecc.???

E, allora, avanti su questo versante, altrimenti sarà tutta una fatica sprecata!!!

Archivi